Cultura
Cultura

I Passaporti dei Promessi Sposi: Innominato con Max Vasta dall'abisso del Male alla risalita

Ultimi giorni per visitare  "I Passaporti dei Promessi Sposi", la splendida mostra frutto del progetto di Paolo Vallara  allestita in Torre Viscontea a Lecco

Cultura Lecco e dintorni, 03 Novembre 2021 ore 11:14

Ultimi giorni per visitare  "I Passaporti dei Promessi Sposi", la splendida mostra frutto del progetto di Paolo Vallara  allestita in Torre Viscontea a Lecco. Non ci si deve davvero lasciare sfuggire l'occasione di ammirare l'esposizione incentrata sui  personaggi del capolavoro manzoniano reinterpretati in chiave moderna: la mostra sarà aperta sino al 7 novembre   il giovedì e la domenica dalle 10 alle 18 e il sabato dalle 14 alle 18. Intanto continuiamo il nostro itinerario alla scoperta di volti e voci: oggi sveliamo l'Innominato del 2021, un uomo che dopo aver toccato il fondo della malvagità risale dall'abisso,  ovvero Max Vasta. 

 

LEGGI ANCHE

I Passaporti dei Promessi Sposi: il pavido Don Abbondio rivive con Beppe Pellegrino

I Passaporti dei Promessi Sposi: Alessandra, una inquieta Monaca di Monza

I Passaporti dei Promessi Sposi: Chirico, un Azzeccagarbugli senza filtri

I Passaporti dei Promessi Sposi: Perpetua, attuale e moderna, con gli occhi di Giulia Pellegrino

I Passaporti dei Promessi Sposi: un magnetico Mauri è Padre Cristoforo

I Passaporti dei Promessi Sposi: Menaballi, il Griso del 2021

 I Passaporti dei Promessi Sposi: ecco la moderna Lucia

I Passaporti dei Promessi Sposi: Innominato con Max Vasta dall'abisso del Male alla risalita

he cos’è questa storia che il mio nome non si deve sapere? Io, un nome, ce l’ho, ed è anche importante e conosciuto. Semmai il problema è che nessuno osa pronunciarlo per paura di me, anche se ora gira la voce che abbia messo la testa a posto! In realtà non sanno che quella Lucia per cui mi sarei ravveduto, piagnucolosa e caparbia, mi aveva depresso!

È vero, di quella vita ero ormai stufo: sparatorie, saccheggi, amori mercenari, mi erano venuti a noia. Poi, forse, sono invecchiato e cominciavo a tenere alla mia salute: prima o poi, diventando Governatore uno con qualche familiare a cui l’ho fatta grossa, per non parlare di quel Cardinal Federigo Borromeo, mieloso ma implacabile con il suo “braccio secolare” … mi avrebbero cacciato in qualche segreta.

Anche il fatto che io sto qui, in questa terra di nessuno, contesa da secoli tra Milano e Venezia, che mi ha permesso in tutti questi anni l’impunità: e se finalmente si mettessero d’accordo, con tutte le guerre che devono sostenere altrove?

Ora sono pure riverito, ma come un Santo, non come un bandito: ricevimenti, benedizioni che, se esiste un al di là, potrebbero servirmi per scampare all’inferno!

E poi ormai ho racimolato un bel gruzzolo, posso vivere tranquillo. Certo, i bravi, anche se pochi, li devo tenere e mi costano: c’è troppa gente che ha dei conti aperti con me.

Comunque ho un bel castello, anche se un po’ cupo. Vorrei che lo vedessero quei cani di mio padre e di mio fratello maggiore, a causa dei quali ho dovuto menare questa vita, anche se non ho mai perso il senso dell’onore proprio del mio lignaggio.

Tutto perché non volevano che ereditassi una parte dei beni di famiglia.

Ma di “cadetti” come me ce ne sono ormai tanti, e, prima o poi, gliela faremo pagare! Vero, signor Freud?