Lutto

Coronavirus: Civate piange l’ex consigliere Colombo

La comunità civatese perde un suo pilastro. Salite a sette le vittime lecchesi

Coronavirus: Civate piange l’ex consigliere Colombo
Cronaca 13 Marzo 2020 ore 07:43

Il paese di Civate si è vestito a lutto per la scomparsa di un amato e stimato cittadino. Pierangelo Colombo, 70 anni, pilastro della banda, attivo nella Protezione Civile di Civate nonchè ex conigliere comunale (nella giunta del compianto sindaco Rino Mauri) si è spento ieri.

LEGGI ANCHE Emergenza Coronavirus: tutti i casi. Contagiati in 51 paesi lecchesi I POSITIVI COMUNE PER COMUNE

Coronavirus: Civate piange l’ex consigliere Colombo

Colombo è morto in ospedale dove era stato  ricoverato e dove era stata riscontrata la  positività  al Coronavirus. Con la drammatica scomparsa di Colombo, che ha lasciato davvero addolorata l’intera comunità civatese ma non solo,  sale a sette il numero delle vittime lecchesi. Due le persone morte a Calolziocorte(una delle quali all’interno della casa di riposo). Sconfitti anche un ballabiese, un galbiatese e un cittadino di Suello. Ieri è morto anche l’ex conigliere di Vendrogno Giueseppe Acerboni che si trovava ricoverato all’ospedale Sant’Anna di Como.

LEGGI ANCHE Coronavirus: casi quasi raddoppiati nel Lecchese in un giorno LA NUOVA MAPPA DEI CONTAGI

Il sindaco Isella

Il sindaco di Civate Angelo Isella, addolorato per la comparsa di Colombo, oltre a esprimere vicinanza ai cari dello scomparso, ha esortato di nuovo tutti i civatesi a rispettare tutte le restrizioni.

“Ciao Pierangelo,
Ieri questa terribile tragedia ti ha portato via dai tuoi cari e da tutti noi.
Io perdo una caro amico e Civate una persona generosa che nonostante le tante difficoltà sperimentate nella vita non si è mai tirata indietro nel suo darsi agli altri e per la comunità. Suona la tua tromba in cielo anche per noi!
Ai tuoi figli e a tutti i tuoi cari l’abbraccio mio e dell’intera Amministrazione Conunale di Civate!”

E ancora

“Voglio ancora con più fermezza ribadire in questo tragico frangente anche per me molto doloroso, la necessità di seguire le indicazioni impartite, di restare a casa e di uscire solo per motivi di comprovata necessità. Serve grande senso di responsabilità da parte di ognuno”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità