Lettere al giornale
Lettere al Giornale

Cambiare passo e velocità (zona 30)

"Il problema della mobilità non può essere solo traffico, code del rientro, incolonnamenti da auto in panne o un macigno all'imbocco di una galleria"

Cambiare passo e velocità (zona 30)
Lettere al giornale Lecco e dintorni, 12 Gennaio 2023 ore 17:19

Cara Prima Lecco

Qui e altrove, ovunque altrove purtroppo, pedoni e ciclisti vengon investiti in maniera grave, troppo spesso addirittura mortale.
Ogni giorno.

Il problema della mobilità, quindi, sembra necessario ribadirlo, non può essere solo traffico, code del rientro, incolonnamenti da auto in panne o un macigno all'imbocco di una galleria.

Tantomeno far credere, come invece fa Gattinoni, che tutto è risolvibile con una corsia in più del quarto Ponte.
Di questo passo (si) chiederà il quinto, sesto e via di questo passo che non è per nulla un cambio di passo.

Ormai son oltre due anni di mandato e ancora abbiamo solo buone intenzioni che non servono a niente se non si è in grado di concretizzarle.

- Non si può non comprendere che i PASSAGGI PEDONALI, a partire dai diversi più a rischio, debbano essere adeguatamente illuminanti con urgenza e non attendere bandi e soldi del Pnrr, così come pittare gli altri, a partire da quelli davanti a scuole e servizi pubblici

Gli incidenti non son quasi mai fatalità.
E se non si posson evitare code, traffico, macigni all'imbocco di una galleria, si può e si deve cambiar passo e velocità.

- Questa velocità deve essere la ZONA30 diffusa, con cuscinetti berlinesi, dissuasori, strutture artificiali, slarghi, verde, controlli, cartelli. Con urgenza.

- Perché in due anni di mandato non si è stati in grado di far nemmeno una corsia ciclabile, POTENZIAMENTO TRASPORTO PUBBLICO, nessun ampliamento corse e orari dei bus ed estensione della loro gratuitá, restituzione di strade libere da auto, rotazione e controllo della sosta, riorganizzare garage coperti, carico / scarico, car pooling..

Insomma, sappiamo che alcune scelte necessitano di tempi, studi dilatati, ma molte necessitan solo di reale volontà
Che, con evidenza, manca. Ancora

Anche le non scelte sono scelte

Paolo Trezzi

Seguici sui nostri canali