Menu
Cerca
Corsa all'acquisto

Psicosi Coronavirus: carrelli pieni e lunghe file nei supermercati lecchesi FOTO

"Il parcheggio del market olginatese, nella serata di oggi, è brulicante di auto come il giorno della Vigilia di Natale quando tutti fanno le ultime compere per le feste" dicono alcuni avventori. Peccato che non ci siano festeggiamenti in programma

Psicosi Coronavirus: carrelli pieni e lunghe file nei supermercati lecchesi FOTO
Cronaca Lecco e dintorni, 23 Febbraio 2020 ore 21:34

Carrelli pieni e lunghe file. Sono le 21 di domenica 23 febbraio 2020 e i supermercati lecchesi che garantiscono anche una apertura serale, come il Carrefour di Olginate, in via Milano, sono letteralmente presi d’assalto (come dimostrano le foto sotto). E’ una serata di shopping dettato dal panico: sebbene al momento nel nostro territorio non si registrino casi di contagio (fatto salvo per il giovanissimo valtellinese, ovvero il 17enne residente a Valdidentro, studente della scuola agraria di Codogno, risultato  positivo al Covid19 e ora ricoverato all’ospedale Manzoni di Lecco), la psicosi Coronavirus sta avendo i suoi primi effetti anche nel Lecchese.

LEGGI ANCHE Coronavirus, studenti meratesi ancora in attesa del tampone

 

Psicosi Coronavirus: carrelli pieni e lunghe file nei supermercati lecchesi

“Il parcheggio del market olginatese, nella serata di oggi, è brulicante di auto come il giorno della Vigilia di Natale quando tutti fanno le ultime compere per le feste” dicono alcuni avventori. Peccato che non ci siano festeggiamenti in programma, ma a che la cosa all’acquisto sia dettata dalla volontà di riempire le dispense domestiche.

Pasta, riso, olio, scatolame i prodotti “andati a ruba”, insieme ai prodotti per disinfettare la casa. Gli scontrini battuti sono tanti, tantissimi. C’è che ha fatto spese da 400 euro.

LEGGI ANCHE Calco, scaffali svuotati all’Esselunga: il panico da Coronavirus si diffonde

Le chiusure

Intanto, come detto, da domani oltre agli scaffali dei supermercati, ad essere vuoti saranno anche i banchi: sia quelli delle scuole che quelli delle chiese. Come già detto in tutta la regione Lombardia è stata diramata un’ordinanza che ferma qualsiasi attività aggregativa: scuolemessemercati.   Per quanto riguarda le funzioni religiose l’Arcidiocesi di Milano specifica che :

In ragione dell’ordinanza emanata dal presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, di concerto con il Ministro della Salute, Roberto Speranza, si dispongono – per quanto attiene all’intero territorio dell’Arcidiocesi – i seguenti provvedimenti:

1. Che le chiese rimangano aperte

2. Che, negli oratori, non si prevedano incontri, iniziative, riunioni, annullando, in ogni caso, eventi precedentemente fissati

3. Che i funerali e i matrimoni possano essere celebrati, ma con la presenza dei soli parenti stretti.

Sono, altresì, sospesi convegni e riunioni di formazione a livello diocesano.
In particolare, la Due Giorni di Formazione del Clero, prevista presso il Centro Pastorale di Seveso (24-25 febbraio) e le tre Assemblee Ecclesiali delle Zone Pastorali (IV-Rho; V-Monza; VII-Sesto San Giovanni).
La Curia arcivescovile sarà aperta la pubblico per erogare i consueti servizi.

Si segnala che sarà possibile seguire, nei prossimi giorni, la Celebrazione eucaristica feriale sul portale della Diocesi di Milano www.chiesadimilano.it

10 foto Sfoglia la gallery

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli