La lettera

Emergenza Coronavirus: i sindacati lecchesi scrivono all’Ats “Dateci i dati”

Tutte le richieste di chiarimenti di Cgil, Cisl e Uil

Emergenza Coronavirus: i sindacati lecchesi scrivono all’Ats “Dateci i dati”
Lecco e dintorni, 18 Aprile 2020 ore 10:36

Una lunga serie di quesiti riassumibili in un una richiesta: dateci i dati. A porre le domande al direttore dell’Ats Silvano Casazza sono i sindacati Lecchesi che hanno inviato una lettera al numero uno dell’Agenzia di Tutela della Salute  per capire nel dettaglio come è stata gestita l’emergenza coronavirus sul territorio. Nella lettera emergono le preoccupazioni per tutta la cittadinanza. Vengono chiesti alla direzione dell’Ats dati certi sull’applicazione dei protocolli di protezione e sicurezza del personale operanti in tutti i presidi del sistema sanitario e socio sanitario locale, così come il numero di tamponi fatti agli operatori sanitari, i pazienti e la reale capacità di garantire lo screening a tutti e la tempistica. Un occhio va anche al numero degli operatori contagiati, il numero di decessi registrati a tutt’oggi nelle diverse Rsa del territorio con tampone positivo e senza tampone in raffronto ai decessi dello scorso anno, quali strutture hanno messo in disponibilità posti letto e accettato pazienti Covid positivi dimessi dagli ospedali pubblici.

LEGGI ANCHE La “strage silenziosa”. Quasi il 10% dei sanitari lecchesi positivo al Coronavirus

Emergenza Coronavirus: i sindacati lecchesi scrivono all’Ats “Dateci i dati”

Ecco la lettera

Egregio Direttore
In considerazione delle evidenti difficoltà registrate a livello territoriale negli ambiti sanitari, sociali e sociosanitari ed in conseguenza di quanto l’ente regione asserisce circa la delega sulle scelte operative e sulla gestione dei provvedimenti attribuita alle direzioni sanitarie territoriali, poniamo con la presente alcuni quesiti, finalizzati ad acquisire informazioni dettagliate utili ad avere un quadro informativo quanto più possibile compiuto in merito all’attuale situazione di emergenza sanitaria determinata dall’epidemia di COVID19 nella Provincia di Lecco.
Gli elementi richiesti nel dettaglio sono indispensabili per esercitare le ns. funzioni sindacali orientate alla tutela dei diritti di cittadinanza.
In particolare vorremmo conoscere:

LEGGI ANCHE Non siamo eroi, vogliamo lavorare in sicurezza”

– Dati certi sull’applicazione dei protocolli di protezione e sicurezza del personale operanti in tutti i presidi del sistema sanitario e socio sanitario locale con particolare riferimento alla dotazione dei dispositivi di protezione individuale e quale è la situazione dell’approvvigionamento degli stessi.

– Il numero di tamponi fatti, per diagnosticare il COVID 19, agli operatori sanitari, agli ospiti e la reale capacità di garantire lo screening a tutti e la tempistica.

– Il numero degli operatori ed altro personale non sanitario contagiati nelle diverse strutture del territorio

-Numero personale in appalto presso le diverse strutture sanitarie e sociosanitarie risultato positivo al covid-19.

– Il numero di decessi registrati a tutt’oggi nelle diverse strutture del territorio con tampone positivo e senza tampone in raffronto ai decessi dello scorso anno

– Quali RSA ed altre strutture socio sanitarie del territorio hanno messo in disponibilità posti letto e accettato pazienti Covid positivi dimessi dagli ospedali pubblici.

– Quali strutture di ricovero private accreditate o non accreditate sono state coinvolte nell’accettazione e nella degenza di pazienti Covid positivi.

– Quali strutture di ricovero private accreditate o non accreditate sono coinvolte nell’accettazione e nella degenza di pazienti Covid a bassa intensità o no Covid in supporto alle strutture della sanità pubblica.

– Numero degli operatori del comparto e della dirigenza medica della sanità privata in supporto nelle diverse strutture della sanità pubblica.

– Presenza nel territorio di strutture ricettive per l’isolamento di operatori impegnati nella gestione dell’emergenza sanitaria e/o cittadini in quarantena fiduciaria che non hanno idonee condizioni di abitazione;

– Eventuale collaborazione ed entità del coinvolgimento delle strutture di ricovero private accreditate e non accreditate con richiesta dati di attività per accettazione e degenza di pazienti COVID positivi;

– Tempi e modalità di attivazione dell’ADI-COVID e delle USCA effettivamente operanti e relativa dotazione organica.

In attesa di Vs. cortese ed urgente riscontro porgiamo distinti saluti.

Cgil – Cisl – Uil Confederali- Funzione Pubblica – Pensionati

Ernesto Messere – Cgil Lecco

Mirko Scaccabarozzi – Cisl Monza Brianza Lecco

Salvatore Monteduro – Uil Lario

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia