Ecco tutti i passaggi che abbiamo compiuto...

Cashback e App IO, noi ci abbiamo provato… funzionerà? FOTO

Sarebbe potuta essere una partenza col botto: invece rischia di alimentare la sfiducia dei cittadini nei confronti delle innovazioni tecnologiche. Si tratta della parte della app IO  per telefoni cellulari che dovrebbe consentire il cashback (chissà poi perchè non chiamarlo patriotticamente rimborso) del 10% dei pagamenti fatti con carte di credito per spese sostenute tra l' 8 e il 31 dicembre.

Cashback e App IO, noi ci abbiamo provato… funzionerà? FOTO
Cronaca Lecco e dintorni, 08 Dicembre 2020 ore 10:00

App IO, noi ci abbiamo provato oggi… funzionerà? Sarebbe potuta essere una partenza col botto: invece rischia di alimentare la sfiducia dei cittadini nei confronti delle innovazioni tecnologiche. Si tratta della parte della app IO  per telefoni cellulari che dovrebbe consentire il cashback (chissà poi perché non chiamarlo patriotticamente rimborso) del 10% dei pagamenti fatti con carte di credito per spese sostenute tra l’ 8 e il 31 dicembre.

CLICCA QUI PER VEDERE QUALI SONO LE CARTE ABILITATE

App IO, noi ci abbiamo provato oggi… funzionerà?

L’app IO era già disponibile da tempo, essendo stata utilizzata per la richiesta (che è stata di molto inferiore alla offerta) del “bonus vacanze”. In teoria la application dovrebbe rappresentare “un unico punto di accesso per interagire in modo semplice e sicuro con i servizi pubblici locali e nazionali, direttamente dal tuo smartphone”. In effetti sono molto pochi per ora gli enti pubblici (tra cui, meritoriamente cui il Comune di Lecco) che offrono una parte, peraltro molto limitata, dei loro servizi attraverso di essa (a Lecco sono disponibili le  funzioni TARI e IMU)

2 foto Sfoglia la gallery

Oggi si sarebbe dovuta attivare (e il condizionale è d’ obbligo) la parte della app relativa al tanto pubblicizzato cashback che prevede il rimborso della cifra spettante allo utilizzatore direttamente sul suo conto corrente. Perchè ciò avvenga, bisogna che l’ utente si registri alla app IO, utilizzando lo SPID (o la CIE), fornisca gli estremi di una o più carte di credito e lo IBAN del suo conto corrente bancario.

LEGGI ANCHE Code per accedere ai servizi e assembramenti? Si possono evitare con lo Spid (che sarà obbligatorio dal 2021) ECCO COME ATTIVARLO – VIDEO

Fino a ieri, 7 Dicembre, giorno prima dell’utilizzo del cashback era impossibile caricare il proprio IBAN. Ovviamente quando è stato abilitata tale funzione, gli utilizzatori si sono precipitati ad approfittarne col risultato di creare grossi problemi al sistema che governa la applicazione.

 

Già nei giorni precedenti si erano manifestate alcune disfunzioni (non era possibile visualizzare i metodi di pagamento già inseriti e probabilmente si sarebbe potuto immaginare che “l’ ingorgo cibernetico” si sarebbe potuto verificare, anche a carico di chi in precedenza aveva provveduto a caricare i propri metodi di pagamento.

 

Ad oggi, se si entra nella app si ricevono una serie di messaggi che lasciano perplessi gli utilizzatori che, in qualche maniera erano riusciti a completare la procedura, caricando carte di credito e IBAN.

 

Anche dopo aver effettuato alcuni pagamenti l’ ammontare del cashback risulta a zero.

2 foto Sfoglia la gallery

I dubbi sono tanti e non vengono certo diminuiti dalla affermazione di alcuni commercianti (e tra questi anche Confocmmercio Lecco)  i quali avevano chiesto, senza ottenerla, una proroga per adeguare i registratori di cassa (a loro spese) alla lotteria degli scontrini e ai pagamenti con cashback. A questo proposito è probabilmente necessario che agli utenti venga chiarito se tutti i pagamenti fatti con carte di credito beneficeranno del provvedimento governativo o se ciò sarà subordinato al fatto che l’ esercizio in cui si effettua il pagamento avrà le attrezzature adatte.

Alle 16.30 do oggi, martedì 8 dicembre, mentre sono ancora presenti le avvertenze riguardo al fatto che la parte “portafoglio” del sito è ancora in manutenzione, in qualche caso la parte cashback risulta attiva.

2 foto Sfoglia la gallery

Ciononostante le operazioni che abbiamo effettuato in giornata (2) non vengono riportate. Si dovrebbe credere alle avvertenze che vengono mostrate quando si richiede il dettaglio delle operazioni compiute. Rimane sempre in predicato la questione dei registratori di cassa: quanti di loro sono effettivamente abilitati alla trasmissione dei dati? Gli esercizi dove abbiamo utilizzato la carta di credito oggi saranno tra questi? Nel caso delle due operazioni da noi effettuate in giornata potremo appurarlo solamente in un tempo che si può aggirare attorno alle 72 ore. Lo scopriremo.. solo vivendo.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità