Lecco-Bergamo... fabbrica del duomo

Agenti della polizia Locale insultati quotidianamente per colpa del semaforo

L'annosa problematica al centro del tavolo convocato dal prefetto dopo la lettera del Comune di Vercurago che non ha risparmiato frecciate all'Amministrazione di Calolzio

Agenti della polizia Locale insultati quotidianamente per colpa del semaforo
Cronaca Lecco e dintorni, 15 Luglio 2021 ore 14:47

Agenti della polizia Locale insultati quotidianamente per colpa del semaforo, o per meglio dire per colpa dell'inaccettabile "clima ostile che si è creato attraverso i social media, anche da parte di alcuni Amministratori dei Comuni limitrofi, e che ha portato all’ormai quotidiano insulto da parte degli automobilisti in transito agli agenti di Polizia Locale di Vercurago impegnati nel loro lavoro di rendere maggiormente fluido il traffico che attraversa il Comune". A denunciare pubblicamente la situazione è Roberto Maggi, Vicesindaco, Assessore alle Politiche Sociali e Servizi alla Persona, Urbanistica, Edilizia Privata del Comune di Vercurago che fa evidentemente un riferimento, nemmeno molto celato, ai vicini "colleghi" di Calolzio...

LAGGI ANCHE Raccolte oltre 400 firme per togliere il semaforo a Vercurago

Agenti della polizia Locale insultati quotidianamente per colpa del semaforo

L'Amministrazione, a giugno, ha scritto una lettera al Prefetto di Lecco Castrese de Rosa per segnalare la criticità della viabilità della exS P6392 ovvero la strada che taglia a metà il paese e che è l'unica via di collegamento con Lecco per chi viene dalla Bergamasca. Una strada che "similmente alla statale che attraversa Garlate e Pescate - sottolinea Maggi -  è ormai congestionata da una elevata densità di traffico (oltre 25000 veicoli al giorno ) che crea problemi logistici, economici e ambientali;  una quota significativa di tali veicoli è peraltro data dai mezzi pesanti provenienti dai Comuni limitrofi, dovuti anche a restrizioni viabilistiche per tale categoria di veicoli"... e anche qui la frecciata a Calolzio è immediata.

Le criticità sono incancrenite da anni (anche se si sono acutizzate con la chiusura del sottopasso in zona lago): non a caso nella missiva che il Comune di Vercurago ha inoltrato al dottor de Rosa è stata messa nero su bianco  la richiesta di un intervento del prefetto perchè " venisse istituito il nuovo tavolo tecnico tra Provincia di Lecco, Comuni interessati e ANAS (che dal 2 maggio è subentrata alla Provincia nella gestione della SP639) per attivare rapidamente la procedura di realizzazione del tunnel San Girolamo, quale unica reale soluzione al momento disponibile".

La risposta del prefetto non si è fatta attendere e l'altro ieri, 13 luglio 2021, è stato convocato il primo tavolo congiunto sul problema.

"Al tavolo coordinato dal Prefetto abbiamo portato la criticità del traffico che realmente coinvolge non solo la tratta Calolzio-Lecco ma, in generale, tutto il territorio lecchese con congestione generale del traffico -  spiega Maggi - E’ stato quindi riconosciuto che il semaforo di Via Roma, unico su tutto il territorio Comunale, è fondamentale per la sicurezza dei cittadini in quanto si trova sull’attraversamento di collegamento tra luoghi di aggregazione sociale, quali scuole, palestra, biblioteca, chiesa, oratorio, ecc. A questo proposito il Prefetto ha sottolineato, in generale, a priorità e inderogabilità della sicurezza e che l’opera in grado di risolvere la problematica sia non solo la realizzazione del tunnel San Girolamo, ma più ampiamente anche il collegamento Bergamo-Valtellina".

E’ stato quindi programmato, per i prossimi giorni, un tavolo di confronto tra ANAS e i vertici della Provincia di Lecco per una riprogettazione esecutiva che possa abbreviare al massimo i tempi della realizzazione dell’opera.

"A questo tavolo saranno portate le richieste dell’Amministrazione di Vercurago  sull’urgenza improcrastinabile della realizzazione dell’opera anche per il grande sforzo che le aziende del territorio stanno facendo per recuperare il terreno perso a causa della pandemia e che rende fondamentale e doveroso il garantire adeguate infrastrutture per i trasporti e i collegamenti Quindi, l’Amministrazione di Vercurago ha dato la propria disponibilità ad affrontare con gli esperti dell’ufficio Strade di ANAS la valutazione dell’esistenza di possibili soluzioni che possano favorire lo scorrimento dei veicoli che, provenienti dai Comuni limitrofi, transitano dal centro urbano di Vercurago, specialmente nelle ore dei pendolari, ma senza derogare alla sicurezza per i cittadini garantita dall’attuale impianto semaforico dotato di radar per regolazione in continuo dei tempi di verde (semaforo intelligente). "