Economia e politica

Competitività: 8 milioni di euro da Regione Lombardia per le imprese lecchesi

L'obiettivo principale è salvaguardare i livelli occupazionali

Competitività:  8 milioni di euro da Regione Lombardia per le imprese lecchesi
Politica Lecco e dintorni, 18 Dicembre 2020 ore 16:26

"Il Consiglio regionale lombardo ha approvato un mio ordine del giorno al bilancio previsionale di Regione Lombardia con il quale vengono stanziati 8 milioni di euro per sostenere gli interventi proposti delle imprese lombarde che hanno presentato domanda a valere sui DM 9 dicembre 2014 e DM 2 agosto 2019 promossi dal Ministro dello Sviluppo economico” Lo annuncia il Consigliere regionale Mauro Piazza.

LEGGI ANCHE  Prevenzione dissesto idrogeologico, Piazza: “6 milioni di euro per il territorio”

Competitività: 8 milioni di euro da Regione Lombardia per le imprese lecchesi

“Nell’ambito delle linee di intervento per lo sviluppo della competitività del territorio Regione Lombardia prevede la creazione di un ambiente favorevole e attrattivo per le imprese anche mettendo in campo azioni di sistema innovative, integrate e in grado di intercettare trasversalmente diversi canali di finanziamento” continua il Consigliere regionale.

“L’ente regionale intende sostenere forme di sinergia e collaborazione operativa con iniziative  promosse dal Ministero dello Sviluppo Economico che possono prevedere il coinvolgimento di più Regioni attraverso il sostegno a progetti di sviluppo competitivo nell’ambito di accordi finalizzati a favorire la competitività dei territori o lo sviluppo, anche diretto alla salvaguardia dei livelli occupazionali, di imprese singoli o di imprese aggregate interessate da processi di riorganizzazione aziendale e produttiva” spiega Piazza.

“A seguito della pandemia Covid-2019  le attività imprenditoriali stanno vivendo una crisi senza precedenti con il forte rischio di non essere in grado di incidere sulla competitività di specifici ambiti territoriali o settoriali, per questo Regione ritiene necessario  intervenire in modo significativo su azioni ad alto impatto tecnologico in grado di incidere sulla capacità competitiva delle imprese anche al fine di salvaguardare i livelli occupazionali e accrescere la presenza delle imprese estere nel territorio nazionale” conclude Piazza.