Menu
Cerca
Lecco

Voce alla Fantasia: pubblicato il primo elaborato

Sul sito del Comune la filastrocca "Voglio un abbraccio" di Sara Ragni della Carducci

Voce alla Fantasia: pubblicato il primo elaborato
Cronaca Lecco e dintorni, 14 Aprile 2020 ore 17:23

In questo periodo di lavoro e studio a distanza, il Comune di Lecco ha proposto agli istituti scolastici lecchesi (classi della scuola primarie e secondarie di primo grado) di raccogliere gli elaborati frutto della fantasia dei loro studenti per pubblicarli sul portale istituzionale del Comune, offrendo uno spazio all’immaginazione dei ragazzi, alle loro riflessioni e alle emozioni che li animano. Un modo per condividere i loro messaggi di speranza e valorizzare l’impegno scolastico dei ragazzi e dei loro insegnanti anche in questo momento così difficile per tutta la comunità.

LEGGI ANCHE Filastrocca del Coronavirus “Che cos’è che in aria vola?”

Voce alla Fantasia: pubblicato il primo elaborato

La sezione dedicata ai lavori realizzati dai ragazzi è stata creata e già arricchita del primo contributo, la filastrocca di Sara Ragni, della classe quinta della scuola primaria Giosuè Carducci.

“Si tratta di un testo che la sua insegnante, Elena Crotta, mi ha chiesto di far avere al personale sanitario del nostro ospedale – spiega l’assessore all’istruzione del Comune di Lecco Clara Fusi – e grazie al quale è nata l’idea di questo progetto. L’elaborato di Sara ha una forte carica emotiva e una freschezza della quale anche gli adulti, specialmente in questo momento, hanno bisogno. Per questo abbiamo voluto creare uno spazio sul sito istituzionale del Comune di Lecco: una finestra virtuale sul mondo della scuola, sia per dare risalto al lavoro che i nostri studenti stanno facendo con i loro insegnanti, sia per aprire i nostri occhi, quelli degli adulti, su come i più giovani riescono a guardare la realtà in questi giorni difficili. Ringrazio gli insegnanti per il loro eccezionale impegno e la loro dedizione”.

Voglio un abbraccio

Ciao CoronaVirus, perché sei venuto?
Da quando sei qui nessun bacio ho più avuto,
pochi abbracci da mamma e papà,
eppure tu sei ancora qua!
Salti di qua, salti di là,
e quando andrai via nessuno lo sa…

Prego sempre in famiglia per chi è malato,
ringrazio Gesù per un altro giorno passato,
prego per medici, dottori e infermieri,
che combattono il virus come valorosi guerrieri,
che dalle loro famiglie stanno lontani
per curare i malati con le loro abili mani.

Ora sono stanca però, basta così!
O diventi più buono o vai via da qui!
Basta tristezza, basta paura,
me lo devi promettere: giura!!!
Tutti felici dobbiamo tornare,
abbracci e carezze di nuovo donare 😍❣

Sara Ragni
classe quinta, Scuola primaria Carducci