Trovato il cadavere di un uomo nei boschi sopra Parlasco

La terribile scoperta è stata fatta nell'area del  massiccio dei Pizzi di Parlasco, una cresta rocciosa che domina il panorama dell' Alta Valsassina e che sovrasta l' omonimo borgo. Si tratta di una delle zone che i soccorritori avevano battuto sin dal primo istante alla ricerca di Pio Mainetti, lo skyrunner di 65 anni residente a Perledo, scomparso nel maggio scorso 

Trovato il cadavere di un uomo nei boschi sopra Parlasco
Lago, 02 Settembre 2019 ore 16:08

Macabro ritrovamento, oggi lunedì 2 settembre 2019 in una zona impervia tra Lago e Valsassina. Il cadavere di un uomo è stato avvistato in una zona boscosa sopra Parlasco.

Trovato il cadavere di un uomo nei boschi sopra Parlasco

La terribile scoperta è stata fatta nell’area del  massiccio dei Pizzi di Parlasco, una cresta rocciosa che domina il panorama dell’ Alta Valsassina e che sovrasta l’ omonimo borgo. Si tratta di una delle zone che i soccorritori avevano battuto sin dal primo istante alla ricerca di Pio Mainetti, lo skyrunner di 65 anni residente a Perledo, scomparso nel maggio scorso  dopo essere uscito per un allenamento sportivo. E tra le ipotesi al vaglio di soccorritori e forze dell’ordine c’è proprio quella che la salma sia dello sportivo “inghiottito” dai suoi amati boschi.

La sparizione di Pio Mainetti

Mainetti, grande sportivo, appassionato di corsa in montagna e  conoscitore del territorio (aveva anche partecipato alla Esino Skyrace), era uscito di casa nella prima mattinata del 14 maggio scorso  per la consueta sessione di allenamento. Quando nel pomeriggio la moglie e i figli non lo avevano  visto rientrare si erano preoccupati e avevano messo in moto la macchina dei soccorsi.

Decine gli uomini   sin dal pomeriggio di quel maledetto martedì si erano inerpicati nelle zone impervie tra Perledo, Parlasco ed Esino. In campo le squadre composte da CNSAS Soccorso alpino e speleologico – XIX Delegazione Lariana,  SAGF Soccorso alpino Guardia di finanza e Vigili del fuoco. A più riprese si erano impegnate  anche le unità cinofile  mentre i cieli della zona erano  stati attraversati ripetutamente degli elicotteri del soccorso. Le ricerche erano state estese  fino alla Valsassina.

A battere i sentieri alla ricerca del padre era  stato anche il figlio di Mainetti. Non solo ma nei giorni e nelle settimane  in campo erano  scesi anche i volontari della Esino Skyrace per cercare l’amico.

Solo gli esami sulla salma potranno dare una risposta agli interrogativi  aperti dal ritrovamento del cadavere.

AGGIORNAMENTI NON APPENA DISPONIBILI

LEGGI ANCHE

Non fa rientro a casa: 65enne disperso nei boschi. In volo anche l’elisoccorso FOTO

Disperso nei boschi: ripartite le ricerche. In campo anche i cani FOTO

Disperso nei boschi: terzo giorno di ricerche

Nessuna traccia di Pio Mainetti, lo skyrunner disperso nei boschi. Proseguono le ricerche FOTO

I boschi custodiscono ancora il segreto di Pio Mainetti

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve