Le indagini

Sparatoria di Olginate: mercoledì l’autopsia sul corpo di Salvatore De Fazio

L'arma, usata per uccidere De Fazio, non è ancora stata trovata. Così come irreperibile è il principale sospettato dell'omicidio e del ferimento, Stefano Valsecchi, 53 anni, con casa a Calolzio

Sparatoria di Olginate: mercoledì l’autopsia sul corpo di Salvatore De Fazio
Lecco e dintorni, 16 Settembre 2020 ore 07:18

Verrà eseguita oggi, mercoledì 16 settembre 2020 l’autopsia sul corpo di Salvatore De Fazio, 47 anni, vittima della sparatoria di Olginate avvenuta poco dopo le 13.30 di domenica.

LEGGI ANCHE 

Sparatoria di Olginate, prosegue la caccia all’uomo

Sparatoria di Olginate: posti di blocco a tappeto per cercare l’assassino di Salvatore De Fazio

Sparatoria di Olginate: resta in Rianimazione Alfredo De Fazio. Il fratello della vittima è in prognosi riservata

 E’ morto Salvatore De Fazio, vittima della sparatoria a Olginate FOTO

 Ancora un sabato notte di alcol e botte

Sparatoria di Olginate: oggi l’autopsia sul corpo di Salvatore De Fazio

Il Pubblico Ministero Paolo del Grosso, che coordina le indagini dei Carabinieri, ha disposto l’esecuzione dell’esame autoptico che dovrà chiarire quanti colpi sono stati inferti all’uomo, e quali di essi abbiano portato alla sua morte avvenuta prima che il 47enne arrivasse in ospedale. Di certo la ferita alla testa è stata devastante ma gli spari esplosi, che per altro hanno colpito anche Alfredo De Fazio, 50 anni, fratello della vittima, tutt’ora ricoverato a Varese, sono stati diversi.

Principale sospettato ancora alla macchia

L’arma, usata per uccidere De Fazio, non è ancora stata trovata. Così come irreperibile è il principale sospettato dell’omicidio e del ferimento, Stefano Valsecchi, 53 anni, con casa a Calolzio. Valsecchi è sparito proprio da domenica. I suoi familiari hanno nominato un legale, l’avvocato Marcello Perillo del Foro di Lecco. Intanto i Carabinieri stanno tentando di ricostruire la vicenda, a partire dalla lite avvenuta sabato notte e che avrebbe visto tra i “contendenti” proprio gli esponenti delle due famiglie. In particolare, ad avere la peggio nella discussione degenerata botte,  avvenuta in via Cantù a Olginate , è stato uno dei figli di Valsecchi, 25 anni, che è finito  in ospedale con un trauma alla testa e la frattura della mandibola.

Regolamento di conti

L’ipotesi, al vaglio dei militari, che comunque non escludono nessun pista, è quindi quella di un regolamento di conti avvenuto dopo la cruenta lite di sabato notte. Ma difficilmente il singolo episodio potrebbe spiegare la violenza che si è scatenata in strada domenica pomeriggio.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia