Sorvegliato speciale senza fissa dimora si “trasferisce” al Pronto Soccorso del Manzoni

Incredibile vicenda che vede protagonista un pluripregiudicato.

Sorvegliato speciale senza fissa dimora si “trasferisce” al Pronto Soccorso del Manzoni
Lecco e dintorni, 18 Giugno 2018 ore 11:19

Sorvegliato speciale senza fissa dimora si “trasferisce” al Pronto Soccorso del Manzoni.

Pluripregiudicato e senzatetto si “trasferisce” al Pronto Soccorso del Manzoni

Furto, truffa, ricettazione e pure evasione dalla sua abitazione di via Concordia dove si trovava in regime di detenzione domiciliare. E’ il curriculum di A.E., pluripregiudicato di 39 anni che, uscito dal carcere, è finito per strada. Visto che lui una casa non ce l’ha più, ha pensato bene di eleggere come domicilio l’ospedale Manzoni che ogni notte offre un tetto a decine di clochard. Quindi i Carabinieri devono a verificare che il 39enne in quella fascia oraria si trovi regolarmente sulle sedie del nosocomio cittadino.

Le reazioni

La notizia di questo insolito ospite del Manzoni ha intanto creato un certo scompiglio. Secondo Massimo Coppia, segretario per la Sanità pubblica della Uil, “in ospedale dovrebbero esserci più guardie giurate e il ripristino della portineria”. Guardie giurate che per altro erano stata invocate per arginare l’odioso fenomeno dei furti.

 

Tutti i particolari sul Giornale di Lecco in edicola da oggi, lunedì 18 giugno Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia