Grande generosità

Scatole di Natale: l’onda di solidarietà partita da Lecco ha sommerso il territorio FOTO

Dall'Oggionese al Meratese, passando per la Valle San Martino, tutti sono stati catturati dalle scatole di Natale, ma soprattutto dalla voglia di dare un senso vero, speciale, a questo strano Natale 2020

Scatole di Natale: l’onda di solidarietà partita da Lecco ha sommerso il territorio FOTO
Cronaca Lecco e dintorni, 21 Dicembre 2020 ore 09:59

Scatole di Natale: l’onda di solidarietà partita da Lecco ha sommerso il territorio. Mentre i doni raccolti il 10 dicembre scorso all’oratorio san Luigi di Lecco hanno già trovato la loro destinazione, finendo nelle mani di chi (uno dei tanti commoventi esempi è il reparto di neuropsichiatria infantile dell’ospedale Manzoni di Lecco), l’iniziativa  che ha riscosso un successo che è andato anche al di là delle aspettative, si è allargata a macchia d’olio anche alla provincia: dall’Oggionese al Meratese, passando per la Valle San Martino, tutti sono stati catturati dalle scatole di Natale, ma soprattutto dalla voglia di dare un senso vero, speciale, a questo strano Natale 2020.

LEGGI ANCHE Scatole di Natale: la commovente lettera di ringraziamento dalla Neuropsichiatria infantile dell’ospedale di Lecco

Scatole di Natale: l’onda di solidarietà partita da Lecco ha sommerso il territorio

Bellissimo l’esempio che arriva da Oggiono dove la raccolta è stata coordinata dall’associazione  Palazzo Prina che hanno poi consegnato le scatole agli ospiti della casa di riposo “Luigi e Regina Sironi” di Oggiono, ai  ragazzi dello SFA Striscia Gialla di Oggiono, ai bimbi dell’asilo a Peslago, a strutture del circondario Oggionese e Casatese che ospitano disabili non autosufficienti che non hanno più genitori o familiari che li possano accudire a abbracciare.

7 foto Sfoglia la gallery

Gentilissimi,

vogliamo rivolgere il nostro più sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato all’iniziativa “Scatole di Natale”, di cui l’associazione Palazzo Prina si è fatta portavoce e promotrice ad Oggiono e nei comuni vicini.

È davvero difficile trovare le parole giuste per descrivere la generosità che abbiamo avuto modo di conoscere in questi giorni, e che ci ha profondamente commosso.

L’immagine di un cuore colmo di pace interiore e di occhi che riescono a vedere il mondo che ci circonda e l’attuale momento critico con un pizzico di speranza in più, forse può rendere l’idea del nostro stato d’animo.

Un’idea letta per caso su internet, condivisa sui nostri pochi canali social, e grazie al passaparola arrivata ai telefoni e agli animi di tantissime persone che hanno risposto in silenzio e con discrezione prontamente al nostro invito.

In ogni persona che ci ha portato una scatola abbiamo ritrovato lo spirito natalizio, essere uomini e donne “di buona volontà”. La volontà di fare del bene, la volontà di fare qualcosa di concreto affinché ad un bimbo, ad un anziano, ad un’anima fragile, e magari purtroppo sola,  non fosse negato un sorriso, anzi IL sorriso di chi si sente (almeno a Natale) pensato, considerato, amato.

Famiglie in cassa integrazione dal lockdown di marzo o famiglie con maggiori disponibilità economiche, giovani coppie di adolescenti, mamme e nonne, di Oggiono e della provincia di Lecco: ecco chi ha varcato la soglia del nostro punto di raccolta.

Ci siamo ritrovate sommerse da scatole di regali realizzate con fantasia e bontà da bambini per altri bambini, sommerse a tal punto che abbiamo creduto che l’ufficio di Babbo Natale si fosse trasferito dal Polo Nord in via Primo Maggio ad Oggiono.

Abbiamo scelto di consegnare i regali agli ospiti della casa di riposo “Luigi e Regina Sironi” di Oggiono, ai nostri ragazzi dello SFA Striscia Gialla di Oggiono, ai bimbi dell’asilo a Peslago, a strutture del circondario oggionese e casatese che ospitano disabili non autosufficienti che non hanno più genitori o familiari che li possano accudire a abbracciare.

Ecco, in un momento in cui a causa dell’emergenza sanitaria ci è vietato abbracciarci, essere accarezzati dal senso di solidarietà di tutti coloro che hanno reso possibile tutto questo, ci ha donato la comprensione della vera magia del Natale: l’umiltà dei pastori davanti al mistero di un Bambino nato per insegnarci ad amare l’umanità nella sua sofferenza.

Inoltre vogliamo esprimere il nostro ringraziamento all’amministrazione comunale e in particolare al Sindaco Chiara Narciso e Protezione Civile- Oggiono per la collaborazione fornita nella distribuzione delle Scatole di Natale

Grande solidarietà anche a Calolzio, dove soni scesi in campo i membri del Circolo Arci Spazio Condiviso e  a Osnago con la raccolta che è stata organizzata dagli “elfi” del circolo Arci La Lo.Co

2 foto Sfoglia la gallery
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità