Solidarietà

Ostello della Solidarietà: la Caritas chiede il contributo dei lecchesi

Un piccolo gesto per aiutare la Caritas a dare supporto agli ospiti della struttura

Ostello della Solidarietà: la Caritas chiede il contributo dei lecchesi
Lecco e dintorni, 03 Maggio 2020 ore 16:13

L’Ostello della Solidarietà è stato inaugurato. A preparare il pranzo per le persone ospitate ci penserà la mensa della Caritas, ma per la cena si chiede il contributo dei lecchesi.

Ostello della Solidarietà

E’ stato finalmente inaugurato l’Ostello della Solidarietà che ospiterà 24 persone in difficoltà. La Caritas, promotrice del progetto, si occuperà di preparare e offrire il pranzo agli ospiti della struttura, ma per la cena chiede aiuto ai lecchesi.

Regala una cena semplice

La Caritas, che sa sempre si occupa di dare una mano a chi ne ha bisogno, questa volta chiede aiuto ai lecchesi. Per l’Ostello della Solidarietà si ricercano persone, famiglie, gruppi, associazioni che una o più volte al mese si rendano disponibili a preparare una cena semplice per 5/6 persone, anche di una sola portata.

Cosa preparare?

Non ci sono richieste importanti o particolari. Si possono preparare pizza, pasta al forno, insalata di riso e farro, carne con verdure… Non ci sono limiti alla fantasia e alla generosità. Basta anche una sola portata, ma se insieme a questo piatto ci fosse anche un dolce (preparato in casa o confezionato) è sempre un dono ben gradito. L’unica richiesta è che, nel rispetto di tutte le religioni, è sempre meglio evitare la carne di maiale.

Al momento la cena da preparare è per 5/6 persone. In futuro il numero raggiungerà gradualmente il totale delle persone.

Come contribuire?

Chi intende contribuire e partecipare a questa iniziativa di carità può segnalare la propria disponibilità e accordarsi sulla data del servizio scrivendo a donatella.turba@alice.it

In prossimità della data verrà indicato il numero preciso di persone per cui preparare la cena.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia