Menu
Cerca
Dietro i numeri ci sono uomini e donne

Mortalità nel Lecchese nei primi tre mesi del 2020 aumentata del 174% I DATI UFFICIALI DELL’ISTAT

Pubblicata la ricerca realizzata dall’Istituto nazionale di statistica insieme all’Istituto Superiore di Sanità (Iss)

Mortalità nel Lecchese nei primi tre mesi del 2020 aumentata del 174% I DATI UFFICIALI DELL’ISTAT
Cronaca Lecco e dintorni, 04 Maggio 2020 ore 13:59

La mortalità nel Lecchese nel primo trimestre del 2020 è aumentata del 174%. Lo ha certificato oggi l’Istat che oggi, lunedì 4 maggio 2020, primo giorno della Fase 2, ha pubblicato lo stidio intitolato “Impatto dell’epidemia covid-19 sulla mortalità totale della popolazione residente primo trimestre 2020”

CLICCA QUI PER LEGGERE IL RAPPORTO INTEGRALE

Lo studio è stato prodotto  dall’Istituto nazionale di statistica insieme all’Istituto Superiore di Sanità (Iss). L’obiettivo è fornire una lettura integrata dei dati epidemiologici di diffusione dell’epidemia di Covid-19 e dei dati di mortalità totale acquisiti e validati da Istat. I dati di mortalità totale commentati si riferiscono al primo trimestre consolidato 2020 e riguardano 6.866 comuni (87 % dei 7.904 complessivi). “Si tratta della prima volta che l’Istat diffonde questa informazione riferita a un numero così consistente di comuni – spiegano dall’Istitito  – Ciò è stato possibile grazie all’integrazione della fonte anagrafica (ANPR e comuni) con i dati dell’Anagrafe tributaria . L’ampia base dati, relativa all’86% della popolazione residente in Italia, consente di valutare gli effetti dell’impatto della diffusione di Covid-19 sulla mortalità totale per genere ed età nel periodo iniziale e di più rapida diffusione del contagio: marzo 2020”.

LEGGI ANCHE Mortalità da Covid, il Lecchese nella top ten

“Considerando il mese di marzo, si osserva a livello medio nazionale una crescita del 49,4% dei decessi per il complesso delle cause. Se si assume come riferimento il periodo che va dal primo decesso Covid-19 riportato al Sistema di Sorveglianza integrata (20 febbraio) fino al 31 marzo, i decessi passano da 65.592 (media periodo 2015-2019) a 90.946, nel 2020. L’eccesso dei decessi è di 25.354 unità, di questi il 54% è costituito dai morti diagnosticati Covid-19 (13.710). A causa della forte concentrazione del fenomeno in alcune aree del Paese, i dati riferiti a livello medio nazionale “appiattiscono” la dimensione dell’impatto della epidemia di Covid-19 sulla mortalità totale” si legge nel rapporto.

LEGGI ANCHE Morti nel Lecchese: la fotografia inquietante dei primi tre mesi del 2020 COMUNE PER COMUNE

Mortalità nel Lecchese nel primo trimestre aumentata del 174%

Il 91% dell’eccesso di mortalità riscontrato a livello medio nazionale nel mese di marzo 2020 si concentra nelle aree ad alta diffusione dell’epidemia: 3.271 comuni, 37 province del Nord più Pesaro e Urbino. Nell’insieme di queste province, i decessi per il complesso delle cause sono più che raddoppiati rispetto alla media 2015-2019 del mese di marzo. Se si considera il periodo dal 20 febbraio al 31 marzo, i decessi sono passati da 26.218 a 49.351 (+ 23.133 ); poco più della metà di questo aumento (52%) è costituita dai morti riportati al Sistema di Sorveglianza Integrata Covid-19  12.156). All’interno di questo raggruppamento le province più colpite dall’epidemia hanno pagato un prezzo altissimo in vite umane, con incrementi percentuali dei decessi nel mese di marzo 2020, rispetto al marzo 2015-2019, a tre cifre: Bergamo (568%), Cremona (391%), Lodi (371%), Brescia (291%), Piacenza (264%), Parma (208%), Lecco (174%), Pavia (133%), Mantova (122%), Pesaro e Urbino (120%).

Relativamente all’eccesso di decessi per il complesso delle cause registrato tra il 20 febbraio 2020 e il 31 marzo, rispetto allo stesso periodo del 2015-2019, i decessi della sorveglianza integrata Covid-19 sono una quota variabile. Tale proporzione è ad esempio circa il 46% in alcune delle province più colpite della Lombardia (Bergamo, Cremona, Lecco). Valori di questa quota superiori al 60% invece si registrano a Lodi, Mantova e Pavia mentre a Piacenza la quota è tra le più alte della classe di province ad alta diffusione dell’epidemia (68,6%)

 

 

.