Forze dell'ordine

Divieto di assembramento: nel Lecchese verranno intensificati i controlli. Estate a tolleranza zero

Si è riunito in Prefettura il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto Michele Formiglio

Divieto di assembramento: nel Lecchese verranno intensificati i controlli. Estate a tolleranza zero
Lecco e dintorni, 27 Giugno 2020 ore 13:57

Pianificare adeguati servizi di ordine e sicurezza pubblica durante la stagione estiva, nell’attuale fase di ripresa delle attività produttive e della vita sociale, anche alla luce delle ulteriori misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica. E’ con questa finalità che, nella mattinata di ieri, si è riunito in Prefettura il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto Michele Formiglio, a cui sono intervenuti il Sindaco Virginio Brivio del Comune di Lecco, il consigliere provinciale Matteo Manzoni, i Responsabili provinciali delle Forze di polizia.

Divieto di assembramento: nel Lecchese verranno intensificati i controlli. Estate a tolleranza zero

Nel corso dell’incontro è stata affrontata in modo particolare la tematica del rispetto del divieto di assembramento e dell’osservanza delle misure di distanziamento sociale soprattutto presso gli esercizi pubblici e altri luoghi di ritrovo dei giovani, nonché in altri spazi di aggregazione di persone. L’incipiente stagione estiva ed il ritorno all’ordinario svolgimento delle attività sociali e commerciali – ha sottolineato il Prefetto Formiglio – richiedono ancora, in relazione all’emergenza sanitaria in atto, l’imprescindibile necessità di proseguire scrupolosamente nell’adozione di comportamenti appropriati e responsabili. 

Le attuali disposizioni prevedono, in relazione ai vari ambiti di applicazione, specifiche misure di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale che impongono, innanzitutto, l’esigenza di adottare in modo assolutamente uniforme in tutto il territorio della provincia, da parte delle Amministrazioni comunali, adeguate misure di prevenzione e di contrasto verso eventuali atteggiamenti non rispondenti alle prescrizioni previste. 

Ribadita l’attualità del divieto di assembramento, il Prefetto ha evidenziato che risulta assolutamente necessario attuare tutte le misure possibili per bilanciare l’emergenza di carattere sanitaria con la tendenza alla socialità, tenendo ben presente che occorre dare prevalenza alla tutela della salute di tutti i cittadini, non sottovalutando l’importanza della ripresa delle attività economiche in generale. 

I servizi di prevenzione soprattutto di sera e di notte

Il Prefetto Formiglio, alla luce di alcuni episodi occorsi nelle località a maggiore vocazione turistica e ricreativa, ha impartito precise direttive volte ad intensificare i servizi di prevenzione a carattere generale e di controllo del territorio, in particolare nelle ore serali e notturne dei giorni di fine settimana, per garantire il rispetto delle misure tese ad evitare il verificarsi di assembramenti ed a rispettare la normativa sul distanziamento tra le persone. 

LEGGI ANCHE Movida a Lecco tra alcol, risse, assembramenti: la Polizia chiude un locale sul lungolago

Proprio al fine di prevenire e contrastare fenomeni di affollamento, è stato disposto un incremento delle attività di vigilanza, osservazione e controllo da parte delle Forze di Polizia territoriali con il concorso della Polizia locale, con segnata attenzione proprio ai luoghi sensibili, anche in previsione del fine settimana. 

Contestualmente, l’attività di controllo del territorio ad opera delle Forze dell’Ordine sarà in ogni caso diretta a contrastare ogni tentativo di ripresa della criminalità diffusa, predatoria e sui fenomeni di abusivismo commerciale. 

Non da ultimo, è stata anche richiamata l’attenzione sui provvedimenti che la normativa riserva ai sindaci, nel cui novero rientra anche il potere sindacale di intervento sull’orario di apertura degli esercizi pubblici, sull’orario di divieto di vendita e somministrazione di bevande alcoliche in contenitori a rischio, nonché sulle eventuali sanzioni cui potranno incorrere i gestori ed i clienti dei pubblici esercizi. 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia