Lecco

Distanti ma non soli: gli studenti inviano auguri e messaggi di speranza agli anziani in casa di riposo

Ragazzi del Bertacchi "nipoti virtuali" degli ospiti dell'Airoldi e Muzzi

Distanti ma non soli: gli studenti inviano auguri e messaggi di speranza agli anziani in casa di riposo
Cronaca Lecco e dintorni, 03 Dicembre 2020 ore 11:45

Gli studenti inviano gli auguri e messaggi di speranza agli anziani in casa di riposo. “Distanti, ma non soli – Natale Festa di Speranza”: questo il titolo dell’iniziativa promossa dagli istituti Airoldi e Muzzi di Lecco in collaborazione con la scuola Bertacchi per regalare agli ospiti della casa di riposo di Germanedo  un momento di serenità in questo 2020 purtroppo flagellato dall’emergenza sanitaria per il Coronavirus.

LEGGI ANCHE Arriva la tenda del sorriso per “riunire” nonni della Rsa e parenti

Distanti ma non soli: gli studenti inviano gli auguri e messaggi di speranza agli anziani in casa di riposo

Per favorire la socialità all’interno degli Istituti, è ripresa in questi giorni la collaborazione con studenti ed insegnanti dell’Istituto Bertacchi di Lecco per il Progetto “Distanti, ma non soli – Natale Festa di Speranza che permetterà uno scambio di auguri tra i giovani studenti e gli ospiti di tutte le Residenze  In cosa consiste l’iniziativa? “Sono passati ormai otto mesi dal momento in cui la nostra quotidianità è stata sconvolta da un evento storico che ha generato sofferenza, non soltanto dal punto di vista fisico, ma anche sul piano psicologico, relazionale e sociale. Dopo l’apparente pausa estiva, il Covid-19 è tornato prepotentemente a limitare le nostre possibilità di movimento e di interazione, producendo ulteriore sconforto e pessimismo e generando una diffusa sfiducia nel futuro. – spiegano dalla Rsa –  In questi mesi il progetto “Distanti, ma non soli” e la sua versione estiva “Nonni a distanza” hanno cercato di far giungere agli ospiti degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi un messaggio di vicinanza e incoraggiamento da parte di numerosi studenti dell’IIS Bertacchi. Foto, video, testi, telefonate e anche videochiamate sono stati utilizzati come strumenti per accorciare le distanze e costruire un ponte tra le generazioni, consentendo così alla speranza di illuminare il difficile cammino che ciascuno di noi è chiamato a compiere”

Ragazzi del Bertacchi “nipoti virtuali” degli ospiti dell’Airoldi e Muzzi

In vista del Natale, festa di gioia e di speranza, l’Istituto Airoldi e Muzzi e l’IIS Bertacchi hanno quindi voluto  continuare la loro proficua collaborazione, allargandola anche agli ospiti del Polo Frassoni.  ” In questo difficile momento abbiamo comunque riconosciuto un’occasione per mettere in comunicazione due generazioni, che nelle loro differenti fragilità, sta reagendo con forza ad una situazione che richiede la capacità di progettare anche queste festività in modo che mai avremmo potuto immaginare. Così l’importanza di potere mantenere il contatto e proseguire con questa terza parte del progetto “DISTANTI, MA NON SOLI”

 

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità