Menu
Cerca
In città

Coronavirus: solo a Lecco oltre 60 positivi e 100 in quarantena. Il sindaco: “Serve l’impegno di tutti”

Situazione grave nel nostro capoluogo di provincia

Coronavirus: solo a  Lecco oltre 60 positivi e 100 in quarantena. Il sindaco: “Serve l’impegno di tutti”
Cronaca Lecco e dintorni, 17 Marzo 2020 ore 18:23

Coronavirus: a Lecco oltre 60 positivi e 100il  in quarantena. L’emergenza Corinavirus ha raggiunto numeri drammatici nel nostro capoluogo di provincia. Proprio per questo sindaco di Lecco Virginio Brivio ha deciso di rivolgere ai cittadini un accorato appello alla responsabilità.

Coronavirus: a Lecco oltre 60 positivi e 100 in quarantena. I sindaco: “Serve l’impegno di tutti”

LEGGI ANCHE Coronavirus: primo decesso a Valmadrera. Altri due morti a Galbiate e Ballabio. 14 vittime nel Lecchese

Purtroppo l’evoluzione della diffusione del Coronavirus non volge al bello (cioè non è in riduzione) e la Città di Lecco continua a vedere numeri in aumento anche con situazioni critiche sotto il profilo sanitario: oggi in città oltre sessanta i cittadini positivi, almeno cento in quarantena, ma per i tempi tecnici degli accertamenti e per gli asintomatici che “sfuggono” all’evidenza, il dato reale è sicuramente più alto. Per questo voglio, a metà settimana, uscire con un numero in più della newsletter, per essere vicino a voi e, spero, portarvi informazioni utili.

LEGGI ANCHE Video sfogo del sindaco: “Inviti finiti, denunce per chi va a passeggio”

Il Coronavirus non solo è insidioso, aggressivo e molte volte letale ad ogni età, anche se si accanisce maggiormente sui nostri anziani: ma essendo sconosciuto alla scienza, ha fatto coincidere i protocolli con i divieti generalizzati per arginare il fenomeno. Non c’è un farmaco risolutivo ma comportamenti individuali e collettivi per il bene comune. Siamo noi tutti il primo rimedio in assenza, appunto, di un farmaco che lo debelli. E’ questo che esplicitamente o implicitamente ci chiedono gli instancabili e coraggiosi operatori sanitari dei nostri ospedali, i medici curanti e coloro che a domicilio e nelle residenze per anziani e disabili (operatori dei servizi sociali, volontari di protezione civile, operatori dei servizi pubblici, della Polizia locale e delle Forze dell’ordine), si sono affiancati in queste ultime settimane in quella rete invisibile ma reale che si è costituita sul territorio.

Mi pare che i lecchesi abbiano in questi ultimi giorni compreso la gravità della situazione e si attengono con rigore alle prescrizioni: restare a casa, svuotare la città ma consapevoli che ciò riempie il cuore di tutti coloro che compiono, anche a nostro nome, gesti di grande responsabilità e coraggio.

Sono convinto che, al di là dei numeri freddi e talvolta atroci, si stia rinnovando una comunità che, pur nata dal rischio della paura, promette di essere un collante potente per il nostro domani.

Mi piacerebbe che, usciti da questa sfida epocale, per la quale usiamo termini persino bellici, si possa essere meno “social” e più “sociali”!

Virginio Brivio

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli