Attualità
Calolzio

Velox o non velox? Polemica su controlli di velocità e multe

Al centro della querelle, ancora una volta, via Mandamentale

Velox o non velox? Polemica su controlli di velocità e multe
Attualità Valle San Martino, 05 Luglio 2022 ore 15:23

Velox o non-velox? Questo è il dilemma”. Si è accesa negli ultimi giorni la polemica, per ora confinata a livello dei social cittadini, in merito alla alla nuova segnaletica luminosa installata dall’Amministrazione comunale di Calolziocorte lungo via Mandamentale, la provinciale che da Calolziocorte  sale verso i Comuni di Torre De’ Busi e Monte Marenzo.

Velox o non velox? Polemica su controlli di velocità e multe

Nelle scorse settimane, infatti, il tratto di provinciale, è stato oggetto di alcuni interventi volti a migliorare la sicurezza dei residenti che spesso lamentano, da parte dei più indisciplinati automobilisti, un utilizzo scorretto della strada, trasformata in una vera e propria pista da corsa.
Le opere, hanno visto l’installazione di alcuni rilevatori elettronici di velocità che, dotati di un pannello luminoso avvisano l’automobilista della velocità con la quale sta sopraggiungendo e, in caso di superamento del limite attivano una serie di segnalatori luminosi installati a raso nell’asfalto. Come spiegato più volte dall’assessore alla Sicurezza Luca Caremi, si tratta di “un intervento di prevenzione e non sanzionatorio”.

LEGGI ANCHE Velocità folli? In arrivo tutor per sanzionare gli automobilisti indisciplinatiA far montare la polemica, però, la “fake-news” diffusa da alcuni cittadini secondo cui, sarebbero stati installati, oltre ai pannelli rilevatori anche un sistema di autovelox, a detta dei più “complottisti” studiato ad hoc per fare cassa.
Diverse, e contrastanti, le opinioni che negli ultimi giorni sono state espresse da numerosi cittadini, tramite i loro profili social, sull’argomento. Se da una parte vi è la fazione di chi, non gradendo gli interventi comunali critica le scelte invocando la costruzione piuttosto di un marciapiede lungo la via, dall’altra vi è la fazione opposta, composta principalmente da residenti della zona, che ben sposa le idee dell’Amministrazione e chiede a gran voce altri interventi.

4 foto Sfoglia la gallery

“Se si devono mettere dei "limiti" è per la sicurezza di tutti. - commenta un residente - Di quelli che li rispettano, al di là delle sanzioni, e di quelli che per rispettarli hanno bisogno delle sanzioni. Poi, alla fine, ci guadagnano entrambi. Chi però non sa di guadagnarci è colui che pensa che tutto viene fatto "per fare cassa". Come odio questo luogo comune!”.

A fare chiarezza su questo argomento, sono prontamente intervenuti l’assessore alla Pubblica sicurezza, Luca Caremi e il vicesindaco di Calolziocorte Aldo Valsecchi che hanno spiegato come non siano stato installato alcun sistema sanzionatorio, tipo velox nella zona.

“Al momento non sono installati sistemi di questo genere"

“Al momento non sono installati sistemi di questo genere. - ha spiegato Caremi - È al vaglio dell’Amministrazione comunale, nel caso la situazione nella zona non dovesse migliorare, implementare quanto già fatto nell’ultimo periodo con un sistema di tipo “tutor”. L’auspicio è che un intervento di questo genere non si renda necessario, e che gli automobilisti si adeguino ai limiti rispettando le prescrizioni”.

“Per quanto riguarda invece la questione riguardante la creazione di un marciapiede - ha spiegato il vicesindaco Valsecchi - sono disponibile ad incontrare di persona il cittadino, per poter fornire tutte le spiegazioni del caso e le motivazioni tecniche per cui non è possibile realizzare un camminamento in quel tratto di strada”.

Luca de Cani

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter