Montagna

Partiti i lavori al rifugio Elisa

Il rifugio Elisa deve il suo nome a quello della figlia di Evangelista Ferrario, socio del Cai Grigne che donò alla sezione il terreno su cui erigere la costruzione.

Partiti i lavori al rifugio Elisa
Attualità Lago, 14 Settembre 2021 ore 10:03

Sono partiti i lavori di riqualificazione del Rifugio Elisa, sul versante occidentale della Grigna settentrionale, nell'Alta valle del Meria sopra Mandello,  che vedranno un suo ampliamento laterale per la realizzazione di un locale adibito a cucina. Questo ampliamento permetterà poi un significativo all’allargamento della sala da pranzo (nella foto di copertina un rendering preliminare). La parte finale dell’intervento sulla struttura di proprietà del Cai Grigne di Mandello consisterà nell’arredamento dei nuovi interni, in particolare proprio della cucina. Ad oggi sono oltre 150 i viaggi effettuati dall’elicottero per trasportare persone e materiali.

LEGGI ANCHE 10 anni senza Walter Bonatti

Partiti i lavori al rifugio Elisa

Il rifugio Elisa deve il suo nome a quello della figlia di Evangelista Ferrario, socio del Cai Grigne che donò alla sezione il terreno su cui erigere la costruzione. Molti parteciparono all’iniziativa con donazioni o anche con il semplice appoggio morale. Lo stesso Gino Carugati, uno dei pionieri dell’alpinismo mandellese nonché primo presidente del sodalizio e salitore del Sasso Cavallo, firmò una cambiale di ben 12.000 lire.

Il Cai Grigne ha voluto pubblicamente   ringraziare i numerosi volontari che hanno fin qui contribuito a questa causa "e che continueranno a prestare la loro opera e a dedicarvi tempo ed energie in considerazione del fatto che la strada da percorrere è ancora lunga. Sono davvero tanti e di conseguenza se volessimo fare un elenco sicuramente tralasceremmo qualcuno. Detto ciò, non possiamo non fare almeno due nomi: quelli di Lino e Rosario, i nostri cuochi, nonché gli “angeli custodi” dell’impresa. Per quasi tre settimane sono rimasti in quota per facilitare e semplificare il lavoro degli addetti. Sì, sono stati loro gli occhi e le orecchie del sodalizio a quota 1.515 metri!”.

Chi volesse dare un proprio contributo in denaro (anche piccole donazioni sono bene accette) può farlo recandosi presso la sede del sodalizio alpinistico, in via Riva dell’ospizio a Mandello, piuttosto che tramite bonifico bancario (IBAN IT89 N031 0451 4900 0000 0007 110, causale “riqualificazione rifugio Elisa”).