Attualità
Raduno del Secondo Raggruppamento

Lecco e gli Alpini, un legame indissolubile: la città si è stretta alle penne nere

Emozioni, commozione e onore nell'evento clou della tre giorni alpina nel nostro capoluogo

Lecco e gli Alpini, un legame indissolubile: la città si è stretta alle penne nere
Attualità Lecco e dintorni, 23 Ottobre 2022 ore 12:38

"Quelli che sanno fare senza chiedere, che sanno dare generosamente, sempre". Così, in un discorso vibrante e appassionato, il presidente nazionale Sebastiano Favero ha definito gli Alpini. Alle spalle il Resegone celato dalle nubi, davanti una marea umana di cuori pulsanti  ("perchè sotto ogni penna nera batte un cuore votato al prossimo"), di tricolori, di cappelli inzuppati di pioggia, di giovanissimi, e di reduci, il numero uno dell'Ana ha scaldato  Lecco e gli animi dei partecipanti del Raduno del Secondo Raggruppamento Alpini che nella giornata di oggi, domenica 23 ottobre 2022, ha raggiunto il suo clou dopo gli appuntamenti iniziati  venerdì e proseguiti  ieri. 

Il Raduno del Secondo Raggruppamento Alpini a Lecco

Uno spettacolo impareggiabile quello offerto questa mattina dall'area della Piccola ( "Questo è il più bello e il più vero collaudo del piazzale Riccardo Cassin che avremmo mai potuto immaginare" ha detto il sindaco Mauro Gattinoni): in migliaia tra  alpini, volontari, amministratori, amici, famiglie, penne nere di ieri, di oggi e di domani, hanno gremito il quattordicesimo rione di Lecco che è stato il punto di partenza della splendida sfilata dei gruppi alpini provenienti dalla Lombardia, dall'Emilia Romagna e dalla Svizzera.

Ma prima che il serpentone umano potesse animare le vie del centro le emozioni sono state tante, i ringraziamenti si sono susseguiti e si sono intervallati ad abbracci,  strette di mano, calorosi contatti umani  che sono tornati protagonisti attesi dopo gli ultimi anni in cui il distanziamento è stato uno strumento necessario per la sicurezza di tutti, ma è stato anche un doloroso sacrificio per combattere il Covid. E in prima linea, in quella battaglia c'erano loro, gli alpini, come ha ricordato dal palco un emozionato ed emozionante Marco Magni, presidente dell'Ana Lecco, padrone di casa di un evento davvero unico.

Il labaro degli alpini

Il presidente Magni: "Le istituzioni hanno ancora bisogno degli Alpini"

"E' giunto il momento di camminare, ora più che mai tutti insieme. Perchè la gente ci vuole bene, perchè dobbiamo rispettare il nostro ambiente, perchè noi lavoriamo per chi ha bisogno, per i nostri anziani, per i nostri giovani. E qui oggi ci sono i ragazzi del campo scuola che hanno dati a tutti un grande esempio di impegno,  ubbidienza, semplicità, umiltà"

" E allora rimbocchiamoci le maniche, non dobbiamo fare autocelebrazione, dobbiamo lavorare, essere presenti nelle nostre comunità, a fianco dei nostri sindaci, della nostre Amministrazioni, delle nostre Istituzioni, perchè hanno ancora bisogno degli alpini".

L'abbraccio tra la presidente della Provincia e il presidente degli alpini di Lecco

Sul palco delle autorità si sono quindi susseguiti il Prefetto di Lecco Sergio Pomponio che ha ricordato che "quando si parla di Alpini si parla di Storia, di Italia e di valori", il sottosegretario regionale e alpino di Lecco Antonio Rossi, che ha ricordato che i pilastri degli alpini sono "famiglia e servizio" e la presidente della provincia di Lecco Alessandra Hofmann, che ha sottolineato la gratitudine di essere cresciuta un una famiglia in cui il simbolo della penna nera era un simbolo di casa.

Hofmann: "Voi fate poco chiasso, traducete le parole in azioni mirate"

"Oggi in un paese nel quale le divisioni sono ancora laceranti, dove la legittimazione dell'avversario è ancora una pia illusione, è significativo riscoprire in voi  il senso dell'unità quale spirito che affonda nelle radici della storia che ha resistito e resiste agli impulsi non sempre benevoli della cronaca - ha detto la numero uno di Villa Locatelli Alessandra Hofmann - E' bello ricordare degli alpini lo spirito scanzonato, quel vento di leggerezza che soffia sulle brutture del quotidiano. Sapete regalare intervalli preziosi di sana amicizia, di condivisione del sorriso, del gusto della vita, di sana e orgogliosa appartenenza ad una bandiera, la nostra bandiera. La dimensione popolare della quale in questi giorni si è colorata la nostra provincia, ci rallegra  e suscita ammirazione incondizionata per il vostro spirito di solidarietà. E abusata l’immagine, ma rende giustizia alla vostra opera, il richiamo alla figura degli angeli protettori, di coloro che assai prima che nel nostro paese, a metà degli anni 80, nascesse la Protezione civile, erano già in campo laddove eventi tragici, spesso frutto di azioni umane che non hanno saputo salvaguardare il territorio, si sono scatenati dalle Alpi al Mediterraneo. Non basta una copiosa biblioteca per raccogliere i libri che avete scritto con la vostra dedizione, l’entusiasmo, l’altruismo, il coraggio, il rischio, salvando la vita donne, uomini, bambini, coinvolti e travolto da immagini tragedie. Ed è tanto autentica la vostra  storia che è diventata al testimone che le generazioni si continuano a passare come in una staffetta che il tempo non scalfisce. E' quest’ultimo un capitolo fondamentale di ogni programma delle pubbliche istituzioni, ma spesso resta  scritto sulla carta o sulla sabbia: voi fate poco chiasso, traducete le parole in azioni mirate, complesse, articolate che ci dimostrano che partendo da un sentiero si può imboccare la strada maestra. Ho promesso a me stessa di essere breve proprio davanti a chi predilige le opere alle parole e voglio perciò rinnovarvi la mia riconoscenza, quella dell’amministrazione provinciale, del territorio che rappresento per essere sempre al nostro fianco senza nascondere le emozioni che oggi provo e che sono certa serberò nel mio cuore nella mia memoria".

Il sindaco di Lecco

Orgoglioso e grato il sindaco di Lecco Mauro Gattinoni ha posto l'accento su tre figure che legano indissolubilmente il nome e la storia di Lecco a quello degli Alpini  "Don Carlo Gnocchi, cappellano delle penne nere  il cui libro Cristo con gli alpini è stato dato alle stampe proprio nella nostra città. E poi  il beato Teresio Olivelli che aveva una mamma della Valsassina,  medaglia d’oro al valore militare che durante la seconda guerra mondiale aiutò i membri della Resistenza a salvare  perseguitati a costo della vita. E infine Ugo Merlini, il lecchese, presidente nazionale degli alpini dal 1965 al 1971".

 

L'omaggio di Mauro Gattinoni agli Alpini

Sebastiano Favero, presidente nazionale

"Dovere, coraggio, solidarietà, famiglia e patria. Questi sono i nostri valori, questi sono i valori che insieme dobbiamo trasmettere alle nuove generazioni come stiamo facendo nei nostri campi scuola. Questo è quello che vorremmo che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo prendessero in seria considerazione per garantire un futuro, una identità seria e vera alla nostra Italia a cui noi vogliamo bene - ha infine chiosato il presidente Nazionale - Tutti insieme anche oggi, sfilando e condividendo andiamo avanti senza paura, cn la cocciutaggine e la testardaggine che sono nostre, perchè noi siamo questi, quelli che sanno fare senza chiedere, che sanno dare generosamente, sempre. In alto i cuori: viva gli  Alpini".

Poi, con con un ordine rigoroso, con passo sicuro nonostante l'emozione, gli alpini sono partiti in corteo e hanno regalato a Lecco e ai tanti lecchesi accorsi nelle strade e nelle piazze, affacciati alle finestre e sui balconi colorati di banco rosso e verde, una mattinata da batticuore.

Le foto della Piccola invasa dagli Alpini

WhatsApp Image 2022-10-23 at 10.19.41
Foto 1 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 10.19.07
Foto 2 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 10.18.53
Foto 3 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 10.18.24
Foto 4 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 10.17.49
Foto 5 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 10.15.46
Foto 6 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 10.14.48
Foto 7 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 10.14.41
Foto 8 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.42.40
Foto 9 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.38.27
Foto 10 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.37.20
Foto 11 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.37.09
Foto 12 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.32.50
Foto 13 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.24.13
Foto 14 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.23.03
Foto 15 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.22.16
Foto 16 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.19.24
Foto 17 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.16.47
Foto 18 di 42
alpini
Foto 19 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.14.33
Foto 20 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.14.18
Foto 21 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.13.57
Foto 22 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.11.48
Foto 23 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.05.29
Foto 24 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.03.13
Foto 25 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.02.52
Foto 26 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.02.04
Foto 27 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 09.01.29
Foto 28 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.57.24
Foto 29 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.56.50
Foto 30 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.56.07
Foto 31 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.55.53
Foto 32 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.52.58
Foto 33 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.50.36
Foto 34 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.49.26
Foto 35 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.48.24
Foto 36 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.48.19
Foto 37 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.47.14
Foto 38 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.47.08
Foto 39 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.47.03
Foto 40 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.46.57
Foto 41 di 42
WhatsApp Image 2022-10-23 at 08.46.52
Foto 42 di 42

 

 

Seguici sui nostri canali