Attualità
Calolzio

Il Comune taglia la Tari: tassa rifiuti meno salata

Le famiglie alla fine dell’anno potranno risparmiare poco meno di una ventina di euro.

Il Comune taglia la Tari: tassa rifiuti meno salata
Attualità Valle San Martino, 31 Marzo 2022 ore 15:54

Calolzio Taglia la  Tari. Saranno approvate solamente nella serata di oggi, durante la seduta del Consiglio Comunale, le nuove tariffe sull’imposta dei rifiuti per il Comune di Calolziocorte. Nonostante le difficoltà, l’aumento generale dei costi e un livello diffuso di maleducazione e inciviltà di alcuni cittadini che genera alti costi alla collettività, l’Amministrazione Comunale è riuscita a ridurre le tariffe alle famiglie. Tutti ne avranno un beneficio, in controtendenza rispetto all’aumento di tutte le altre bollette. Riduzioni che sono state rese possibili, anche e soprattutto grazie a un surplus di 74.000 euro che il comune andrà ad incassare per la Tari.

LEGGI ANCHE Da aprile potenziati i servizi di raccolta rifiuti nelle frazioni alte

Il Comune taglia la Tari: tassa rifiuti meno salata

A spiegare nei dettagli le nuove tariffe, discusse in anteprima in commissione Bilancio lo scorso lunedì 28 marzo, è direttamente il Municipio attraverso una nota stampa: “I nuclei familiari con due componenti risparmieranno dal 7 al 10% a seconda delle dimensioni degli appartamenti occupati. Le persone singole potranno contare su un minor costo anche di oltre il 13%. In ogni caso, le riduzioni saranno per tutti di almeno il 5%”.

Tradotto in termini più pratici, le famiglie alla fine dell’anno potranno risparmiare poco meno di una ventina di euro.

Anche per le utenze non domestiche non sono previsti aumenti, ma anzi avranno una piccola riduzione intorno all’ 1%. Naturalmente il confronto va fatto, nel caso delle utenze non domestiche, con il 2019, prima cioè delle agevolazioni governative conseguenti alla pandemia, che quest’anno non sono state finanziate.

Il Comune, comunque, ha previsto degli sconti per alcune categorie di esercizi particolarmente colpite (palestre, cinema, impianti sportivi, discoteche ed associazioni), possibili grazie all’utilizzo di un fondo apposito (del valore di circa 6 mila euro).

Luca de Cani

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter