Attualità
Appello

Centro di Aggregazione Giovanile: Cambia Calolzio ne invoca la riapertura

"Purtroppo la Lega non solo ha ignorato la necessità di ricostruire i servizi svolti a suo tempo, ma ha addirittura destinato ad archivio gli spazi della struttura"

Centro di Aggregazione Giovanile: Cambia Calolzio ne invoca la riapertura
Attualità Valle San Martino, 07 Febbraio 2022 ore 13:17

Nuova proposta del gruppo di minoranza Cambia Calolzio che chiede a gran voce la riapertura del Centro di Aggregazione Giovanile come risposta ai bisogni e al disagio giovanile. Aperto dall’Amministrazione comunale nel 1988, il Centro di Aggregazione Giovanile, è però stato chiuso da due anni. Prima di questa scelta nel corso dei suoi trent’anni di attività aveva seguito oltre un migliaio di giovani con ottimi risultati.

LEGGI ANCHE Assembramenti per un video musicale alle case Aler: necessario l'intervento dei Carabinieri

Centro di Aggregazione Giovanile: Cambia Calolzio ne invoca la riapertura

La richiesta di Cambia Calolzio, all’Amministrazione comunale, arriva nel giorno di una particolare ricorrenza: il 7 febbraio ricorre infatti, su iniziativa del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e Ricerca (MIUR), la giornata contro il bullismo e il cyberbullismo e più in generale contro ogni forma di violenza.

"In questa occasione - spiega Diego Colosimo, consigliere del gruppo Cambia Calolzio - non solo le scuole e le famiglie, ma anche tutte le Istituzioni e tutti i cittadini sono chiamati ad un impegno educativo e di riflessione su questi multi-problemi. È scontato che servono attività e servizi rivolti alle situazioni a rischio o con indicatori di disagio socio-educativo”.

Già nel luglio 2020, avendo a cuore tutta una serie di problematicità giovanili, era giunto un appello scritto all'Amministrazione Comunale per riattivare il C.a.g. di Calolziocorte: “Purtroppo la Lega - conclude Colosimo - non solo ha ignorato la necessità di ricostruire i servizi svolti a suo tempo, ma ha addirittura destinato ad archivio gli spazi della struttura. Proprio non si capisce perché non venga, senza se e senza ma, riattivato questo servizio".

Luca de Cani

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter