Attualità
Da lunedì

Addio fasce orarie: sulla vecchia Lecco Ballabio arrivano i movieri. Anas vuole riaprire la Rac il 10 gennaio

Senso unico alternato nel tratto, particolarmente problematico della SP62, compreso tra San Giovanni e Laorca, nel Comune di Lecco

Addio fasce orarie:  sulla vecchia Lecco Ballabio arrivano i movieri. Anas vuole riaprire la Rac il 10 gennaio
Attualità Lecco e dintorni, 16 Dicembre 2022 ore 22:33

 Addio alle fasce orarie: sulla Lecco Vecchio Ballabio da lunedì 19 dicembre 2022 arriveranno i movieri. Non solo ma Anas prevede di riaprire la Rac, ovvero la nuova Lecco Ballabio il 10 gennaio 2023,  ad un mese e un giorno dalla spaventosa frana della scorsa settimana. Questi, in estrema sintesi i risultati della serrata due giorni di incontri che si sono tenuti in Prefettura pere fare il punto sulla situazione viabilistica e infrastrutturale. 

Addio fasce orarie: sulla vecchia Lecco Ballabio arrivano i movieri. Anas vuole riaprire la Rac il 10 gennaio

 

Il Prefetto di Lecco, Sergio Pomponio, ha incontrato, nella giornata di ieri, giovedì 15 dicembre 2022, i rappresentanti delle aziende del territorio e degli autotrasportatori, che gli hanno manifestato i disagi subiti alle categorie produttive causati dal nuovo sistema viabilistico a fasce orarie sulla vecchia Lecco Ballabio.

Un sistema  che è stato messo in campo dopo la frana che ha reso necessaria la chiusura della 36 Rac. Tante le lamentele palesate questa settimana dai camionisti, costretti ad attendere il "proprio turno" per salire o scendere dalla Valle.

Il Prefetto ha ribadito che la circolazione dei mezzi pesanti per fasce orarie predeterminate, "oltre a garantire al meglio il trasporto pubblico ed in particolare quello scolastico, ha di fatto impedito che, fin dal lunedì successivo alla frana, si creassero le condizioni per un blocco del traffico non solo nel capoluogo, ma anche in gran parte della provincia, soprattutto quella attraversata dalla statale 36".

Fermo restando che questo obiettivo, nonostante indubbi disagi soprattutto per le categorie produttive e per gli autotrasportatori, è stato pienamente raggiunto, il Prefetto non ha escluso l’opportunità di rivedere, con l’ausilio imprescindibile dei tecnici e delle Forze di Polizia il sistema viabilistico adottato questa settimana. 

Oggi l'incontro decisivo

Oggi quindi  si è svolta un’apposita riunione del Comitato Operativo per la Viabilità provinciale, previsto dalle pianificazioni di emergenza. 

Nel pomeriggio di si sono riuniti dapprima il COV e, quindi, il CCS esteso alla partecipazione dei Sindaci del capoluogo e della Valsassina. 

"In primo luogo è stato confermato come il dispositivo per fasce orarie sinora sperimentato, certamente efficace per tutelare la sicurezza stradale, l’incolumità pubblica e il transito regolare dei veicoli leggeri, possa essere implementato e migliorato con riferimento allo spostamento dei mezzi pesanti e alla tutela delle attività economico produttive delle aziende della zona" sottolineano dall'Ufficio territoriale del Governo.

Arrivano i movieri

Ma non mancano le novità: da lunedì 19 dicembre verrà sperimentato un dispositivo più dinamico che prevede l’istituzione del senso unico alternato nel tratto, particolarmente problematico della SP62, compreso tra San Giovanni e Laorca, nel Comune di Lecco. Ciò avverrà attraverso l’impiego di esperti movieri che assicurino comunque priorità al passaggio dei mezzi di soccorso e del trasporto pubblico locale. Il dispositivo sarà attivo dalle 7 alle 21 per ciascun giorno della settimana.

 

Seguici sui nostri canali