Tempo libero
Oggionese

Tutti in sella: successo per la 35esima pedalata ecologica

Hanno sfidato il gran caldo, sono saliti in sella e hanno "sfilato" per le vie dell'Oggionese decretando il successo dell'appuntamento che è tornato in grande stile dopo due anni di stop forzato

Tutti in sella: successo per la 35esima pedalata ecologica
Tempo libero Oggionese, 14 Luglio 2022 ore 10:20

Hanno sfidato il gran caldo, sono saliti in sella e hanno "sfilato" per le vie dell'Oggionese decretando il successo della pedalata ecologica.

Tutti in sella: successo per la 35esima pedalata ecologica

Nella serata di ieri, mercoledì 13 luglio 2022, armati di tanta voglia di stare insieme all'aria aperta tantissimi ciclisti hanno aderito alla bella manifestazione organizzata dal Velo Club Oggiono con il patrocinio dell'Amministrazione comunale diretta dal sindaco Chiara Narciso,  decretando così il successo della 35esima edizione.

 

6 foto Sfoglia la gallery

Tradizione che torna dopo due anni di stop

Un appuntamento storico quindi, che è tornato dopo due anni di stop forzato a causa della pandemia e che ha davvero colpito nel segno. I partecipanti si sono  cimentati in un percorso sulle due ruote, all’insegna della sostenibilità ambientale.

Il percorso

Partiti da piazza Manzoni a Oggiono i partecipanti, chi con la bici da corsa, chi con la mountain bike, chi col la più classica delle "grazielle", hanno pedalato lungo un percorso che si è snodato  per piazza Garibaldi, via Primo Maggio, via per Annone, Annone centro, via Sant’Antonio, via Lecco, via Poncia.

Quindi tappa "ristoratrice" a Molteno con il rinfresco offerto dal supermercato Sigma. Riprese le forze di nuovo tutti in sella lungo via Moro, via M. Conti, via Roma, via De Gasperi, via Matteotti per poi tornare nuovamente a Oggiono transitando da  via per Molteno, via Milano.

Gran finale di nuovo in piazza

Il gran "finale" del circuito  è stato di  nuovo in piazza Manzoni dove non sono mancati i premi per i volenterosi pedalatori.

La storia del Velo Club

Il V.C. Oggiono venne fondato il 15 febbraio 1974, da un gruppo di amici a supporto di Tino (Costantino) Conti il professionista di Nibionno, che in quegli anni andava per la maggiore e fu anche terzo ai mondiali su strada di Ostuni, nel ’76, alle spalle di Maertens e Francesco Moser. Ma prima da dilettante vinse i Giochi del Mediterraneo e fu secondo in un Tour de l’Avenir. Tino Conti è stato “cuore e anima” per diversi anni del ciclismo comasco (allora Como e Lecco non erano autonome). L’idea venne a Franco Pirovano, animatore ed ispiratore della società, ottimo pedalatore che spronava il gruppo di amici che si ritrovavano ogni domenica.. Dopo aver pedalato autonomamente per qualche tempo, decisero di dare vita ad un vero e proprio gruppo sportivo con atto di fondazione uf ciale che venne trascritto alla Federazione Ciclistica Italiana. Negli anni, non pochi i risultati raggiunti, soprattutto a livello cicloturistico, in particolare due Coppa Italia per Società nel 1980 e nel 1983. Per sette anni (dal ’74 all’80) primo presidente della società fu Ezio Tettamanti, il non dimenticato difensore sinistro del Calcio Lecco, ottimo pedalatore che il 13 marzo 1977 favorì il primo grande raduno cicloturistico in memoria di Franco Pirovano con la partecipazione di 759 ciclisti, in rappresentanza di 47 società. Nel ’79 il terzo posto all’italiano ed il secondo in Coppa Italia. Nell’80 con il successo in Coppa Italia e nel Trittico dei Due Mari, anche il quinto al campionato italiano. Nel raduno nazionale di Gualdo Tadino il primo posto ed il secondo a Guado. Per due stagioni, nel ’78 e ’79, c’è anche una squadra esordienti sponsorizzata dalla Supermacelleria Ratti con direttore sportivo Daniele Fumagalli, futuro presidente della società. E’ proprio nel corso del periodo di Tettamanti presidente che la società cambia denominazione da V.C. Tino Conti in Velo Club Oggiono con sponsor “Rossini-Itla”. Dall’81 all’84 il presidente Luigi Mariani favorisce una presenza costante ai molti raduni e nell’83 la società ottiene il terzo posto a Mestre al campionato nazionale con 204 partecipanti. A Bardolino è quinta ed a Francavilla terza, ma nelle prove del Campionato Italiano è prima a Roma, Corato e Porto San Giorgio, seconda ad Assisi. E’ prima inoltre nella Gran Fondo di Saint Tropez ed a Reggio Emilia, con sponsor la Gala Orologi. La sede sociale nell’84 si trasferisce da via Longoni, in via 1° Maggio e dall’85 all’89 è Graziano Tanaglia a condurre la società a diversi Raid (Oggiono- Custoza e Oggiono-Borno) oltre che ai raduni nazionali cicloturistici ed alle Gran Fondo (terzi a Reggio Emilia e primi nella Torino-Valtournanche). Proprio nell’88 viene organizzata una gara agonistica esordienti che vede il successo di Salvatore Commesso che diventerà professionista, vincendo due titoli assoluti e due tappe al Tour de France. Il Latte Clab nell’86 divenne sponsor. Si avviò in collaborazione con l’amministrazione oggionese anche una Pedalata Ecologica che quest'anno appunto è arrivata alla 35esima edizione.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter