Sport
Montagna

Grigne Skymarathon, pettorali sold out: domenica si corre

250 atleti da 20 differenti nazioni per la prima edizione

Grigne Skymarathon, pettorali sold out: domenica si corre
Sport Valsassina, 16 Settembre 2021 ore 10:54

250 atleti da 20 differenti nazioni per la prima edizione delle Grigne Skymarathon in programma domenica a Pasturo. Nonostante un attento vaglio di ogni singolo curriculum con un filtro che teneva conto di un mix tra performance ed esperienza, i pettorali messi a disposizione da Team Pasturo, Falchi Lecco e GSA Cometa sono andati letteralmente sold out.
Dopo anni d’assenza dal palcoscenico internazionale, Grignetta e Grignone sono pronte a rientrare nel giro dello “skyrunning che conta” dalla porta principale. Domenica per la seconda tappa di coppa del mondo 2021 sono attesi ai nastri di partenza alcuni dei migliori interpreti della specialità. Banco di prova, un tecnicissimo percorso di 42km e 3900m d+ con passaggio ai 2184m della Grigna Meridionale e ai 2410 di quella Settentrionale. I record da battere? Quelli di Kilian Jornet 4h.43’54” (2007) & Emanuela Brizio 5h.32’01” (2008).

Grigne Skymarathon, pettorali sold out: domenica si corre

«Il tracciato è in perfette condizioni ed è stato messo completamente in sicurezza dai nostri volontari – ha esordito il responsabile del comitato organizzatore Alberto Zaccagni -. Sotto l’occhio vigile della nostra Guida Alpina Manuele Panzeri siamo riusciti a ripristinare i tratti dell’Alta via delle Grigne che non versavano in buone condizioni e nei prossimi giorni provvederemo a segnare completamente l’intero tracciato. Questi interventi serviranno oltre che alla gara, anche ai numerosi fruitori che ogni fine settimana sono soliti frequentare i rifugi della zona». E proprio nell’ottica di avvicinare sempre più persone all’evento e alle Grigne, ecco una bella iniziativa: «Alle prime 50 persone che arriveranno nei rifugi per assistere alla gara verrà consegnata dal personale una maglietta celebrativa e potranno gustare un’ottima birra».

I protagonisti e le protagoniste

Sfogliando la lista partenti sono molti i big che hanno messo nel loro calendario agonistico estivo la Grigne Skymarathon. Su tutti il campione di casa Daniel Antonioli. Menzione d’obbligo anche per il transalpino Alexis Sevennec. Ruolo di outsider per il rientrante Cristian Minoggio. Campione Europeo in carica il piemontese potrebbe essere la vera “mina vagante” di questa edizione. Accreditati per un piazzamento nella top ten anche i locali Luca Del Pero,  Danilo Brambilla, l’altro piemontese Gianluca Ghiano e i veneti  Mattia Tanara, Andrea De Biasi. I favori dei pronostici sono tutti per l’americana Hillary Gerardi. La detentrice del record sul Sentiero Roma e vincitrice dell’ultimo Trofeo Kima dovrà però guardarsi le spalle dalla basche  Oihana Azkorbebeitia Urizar, Ruut Uusitalo, dall’austriaca Rosanna Buchauer e dalle nostre Francesca Rusconi, Cecilia Pedroni, Paola Gelpi.

Le norme di sicurezza

La gara si svolgerà nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19 grazie a un puntiglioso piano di sicurezza approvato dagli organi competenti. L’area parterre sarà accessibile solo a atleti, staff e addetti ai lavori che pre accreditato e in regola con il Green Pass. Per chi non l’avesse è prevista, a un centinaio di metri dalla segreteria, un’area tamponi con rilascio in caso di negatività di Green Pass temporaneo.

Sarà garantito servizio deposito borse come pure il servizio spogliatoio e docce (solo al termine della gara). La partenza avverrà in linea con la mascherina indossata sino all’imbocco del sentiero segnalato con un apposito cartello. (circa 300mt dopo la partenza). La mascherina dovrà essere indossata dagli atleti nei punti ristoro e non appena tagliata la linea del traguardo.

Nei ristori non sono previsti bicchieri. Sarà garantito solo il rifornimento di acqua, sali e, dove previsto,   monoporzioni di biscotti secchi, frutta secca e cioccolato.

(Foto Maurizio Torri)