Lettere al giornale
lettere al giornale

Aumenti Trenord: un treno che all'incontrario va

L'intervento di Paolo Trezzi

Aumenti Trenord: un treno che all'incontrario va
Lettere al giornale Lecco e dintorni, 21 Agosto 2022 ore 17:03

Gli aumenti Trenord sono il tema centrale di questa lettera al giornale inviata alla nostra redazione dal lettore Paolo Trezzi.

Aumenti Trenord: un treno che all'incontrario va

"Cara Prima Lecco e Giornale di Lecco

Ci sono azioni che diresti furti con destrezza che invece le Delibere Regionali ascrivono semplicemente a aumenti tariffari.​

È quello che è successo con la delibera Regionale n° XI / 6623 del 04/07/2022 che ha aumentato le tariffe dei biglietti e degli abbonamenti,​ compresi quelli integrati, a partire dal 1 settembre prossimo.

Per i primi di oltre il 3,80% per gli integrati di quasi il 2%.
Se non si può chiamare furto però è una vergogna.​

La Regione Lombardia,​ per l'ennesima volta, con arroganza ed evidente forte ritardo sulla fotografia reale del servizio ferroviario non si accorge o se ne frega, del cronico pessimo servizio che fornisce e legittima attraverso Trenord.​

Ritardi, soppressioni, mancate corse,​ cambi e peggioramenti di stazioni di arrivo dei treni dei pendolari,​ tagli e riduzione di corse e tragitti, insicurezza, impossibilità di pianificazione che determina a volte l'uso del mezzo privato e la sempre più ampia impossibilità di consigliarne l'utilizzo ad altri cittadini che, con evidente oggettività,​ chiunque può registre da decenni, porta imbarazzo e desolazione nel leggere oggi la scelta di colpire ulteriormente il pendolare e il viaggiatore con questo aumento, importante e assurdo.​

Un imbarazzo e desolazione nel provare a mettersi nei panni di Trenord davanti all'incapacità cronica e menefreghista che quotidianamente si registra che effettivamente no, nei loro panni non ci sappiamo stare.​

Questo aumento, non il primo in questi anni, è moralmente un furto e visto come Regione Lombardia e Trenord gestiscono il servizio,​ non lo è nemmeno con destrezza ma solo in forza di stare nascosti dietro un monopolio che insieme al pessimo servizio va nuovamente denunciato.​

Purtroppo non basta...​"

Paolo Trezzi

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter