Presentazione Gattinoni, Forza Italia:“Acquatesi prigionieri della Sinistra e del PD”

Mambretti e Minuzzo: “La cultura di chi sequestra le piazze è quella di chi sequestra le istituzioni”

Presentazione Gattinoni,  Forza Italia:“Acquatesi  prigionieri della Sinistra e del PD”
Lecco e dintorni, 07 Febbraio 2020 ore 15:30

“ Acquatesi prigionieri della Sinistra e del PD”. Domani mattina, sabato, ad Acquate la prima manifestazione di piazza per le prossime elezioni comunali. Mauro Gattinoni, il candidato del Centrosinistra, si presenta open air ai lecchesi. Fervono i preparativi con l’irrinunciabile coda di polemiche accesa dalla controparte del centro destra.

” Acquatesi prigionieri di Gattinoni”

“Alcuni residenti ci hanno segnalato che da ieri sera in Piazza della Vittoria e nelle vie limitrofe sono stati affissi dei cartelli nei quali il Comitato “Per Mauro Gattinoni Sindaco” comunicava che l’accesso alla piazza verrà lasciato libero, senza divieti di sosta né divieti di transito, consigliando però di posteggiare i propri mezzi al di fuori della stessa e di programmare i propri spostamenti personali in funzione della presentazione del candidato Sindaco delle sinistre”. Così il consigliere comunale Emilio Minuzzo ed il coordinatore della lista “Lecco merita di più” Beppe Mambretti.

LA CAMPAGNA ELETTORALE E’ AMPIAMENTE INIZIATA: LEGGI QUI TUTTI GLI ARTICOLI SULLE ELEZIONI LECCO 2020

“La sicurezza è garantita?”

“Alcune considerazioni per tanto ci sembrano ovvie da porre a Gattinoni: la sicurezza delle persone nella piazza, visto che nello stesso cartello si immagina una certa affluenza, da chi verrà garantita, se non si è chiesto in Comune il divieto di passaggio degli autoveicoli?” interrogano Mambretti e Minuzzo.

“Violato il Codice della strada”

“E ancora, chiediamo a Gattinoni: a che titolo sono stati affissi questi cartelli? Sa che il suo Comitato sta violando gli articoli 7 e 37 del Codice della Strada in quanto dovrebbero essere citate le ordinanze con le quali vengono disciplinati gli accessi alla piazza?”spiegano i due lecchesi.

Dribblato Valsecchi

“Non sarà che il candidato delle sinistre, evitando di presentare le richieste dei relativi divieti di sosta e transito, non ha voluto interfacciarsi con gli uffici comunali, che sono alle dirette dipendenze dell’assessore Corrado Valsecchi,sapendo che vi fosse il rischio che qualcuno sollevasse delle prescrizioni restringenti?” continuano Mambretti e Minuzzo.

E  ancora: “Come dice il detto, la gatta frettolosa fece i gattini ciechi, gli suggeriamo per la prossima presentazione di farsi consigliare dai suoi “compagni” di strada Anghileri e Mariani, esperti realizzatori di manifestazioni, al fine di evitare errori elementari di questo tipo” dichiarano i due esponenti di Lecco merita di più.

4 foto Sfoglia la gallery

Piazza sequestrata

“Ci spiace constatare che la cultura di chi sequestra le piazze è quella di chi sequestra le istituzioni, non ci resta che solidarizzare con i residenti di Acquate che per qualche ora subiranno le conseguenze di una manifestazione, pur non avendo le giuste tutele da parte della polizia locale” concludono  Minuzzo  e Mambretti.

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve