Menu
Cerca
Valsassina

Occupazione suolo pubblico: il Comune decide di non fare pagare la tassa ino a fine ottobre per aiutare i commercianti

Si lavora per una estate in sicurezza

Occupazione suolo pubblico: il Comune decide di non fare pagare la tassa ino a fine ottobre per aiutare i commercianti
Politica Valsassina, 20 Aprile 2021 ore 15:04

La giunta di Casargo, diretta dal sindaco Antonio Pasquini,  ha approvato oggi, martedì 20 aprile 2021,  l’esenzione dal canone patrimoniale per l’occupazione suolo pubblico sino al 31 ottobre 2021,attualmente il provvedimento agevolativo è previsto dal comma 1 dell’art. 30 del D.L. sostegni (G.U. del 22 marzo 2021) sino alla data del 30 giugno 2021.

Occupazione suolo pubblico: il Comune decide di non fare pagare la tassa ino a fine ottobre per aiutare i commercianti

“L’azzeramento del canone di occupazione del suolo pubblico risponde all’esigenza di offrire un concreto supporto agli esercenti di ristoranti e bar, attività economiche -sottolineano gli assessori Berera Wilma e Piergiacomo Acerboni- che hanno subito duramente le restrizioni di questi mesi e che in conseguenza delle misure anti-contagio sono chiamati ad organizzare i loro spazi di somministrazione anche all’esterno”.
La misura non riguarda solo le concessione già in essere, ma è aperta anche agli esercenti che intendono ampliare il loro spazi esterni di somministrazione per  rendere la propria attività maggiormente fruibile al pubblico garantendo nel contempo le misure di distanziamento; le richieste possono essere inviate via mail all’indirizzo  tributi@comune.casargo.lc.it e verranno valutate dall’Amministrazione.
“Stiamo lavorando -conclude il vice Sindaco Berera- per un’estate attrattiva, mantenendo comunque un alto livello di sicurezza che ci permetterà di tornare alla normalità gradualmente, per una Casargo sicura ma allo stesso tempo vitale e fruibile per tutti”.