Leghisti a Pontida? A Calolzio va in scena il controraduno

Singolare iniziativa di Liberi e Uguali

Leghisti a Pontida? A Calolzio va in scena il controraduno
Valle San Martino, 28 Giugno 2018 ore 17:00

Leghisti a Pontida? A Calolzio domenica va in scena il controraduno. Ad organizzalo sono i membri di Liberi e Uguali.

LEGGI ANCHE  Leghisti lecchesi alla vigilia dell’evento: “Sarà una Pontida epocale” VIDEO

Controraduno a Calolzio

La contromanifestazione è in programma appunto per domenica primo luglio, in contemporanea alla festa leghista per eccellenza dove sono attese circa 50mila persone. La location sarà sempre la Valle San Martino. Ma  se i fedelissimi del Carroccio saranno a Pontida, gli “antisalviniani” si ritroveranno invece a Calolzio. L’invito di Liberi e Uguali è quello di presentarsi, tra le 9 e le 12 in piazza a Calolzio per quello che hanno ribattezzato il “Restitution day”

Lo scopo

Ma quale è l’obiettivo dell’evento? A spiegarlo, in una nota ufficiale è proprio il gruppo di Liberi e Uguali “Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini che è anche il segretario politico plenipotenziario della Lega tutti i giorni, per distogliere l’attenzione da molti problemi che non è in grado di risolvere lancia insulti ai migranti che, secondo lui, sono in vacanza e viola regolamenti e trattati internazionali anche per non rispondere concretamente alla
magistratura delle malversazioni del suo Partito, consegnando, fra l’altro, i 48 milioni di euro come la Procura di Genova gli ha intimato” si legge nel comunicato del partito di sinistra.

“La Lega restitusca i soldi”

“In contro-altare al suo show di Pontida, illuminato a più non posso da televisioni e media, con i miseri mezzi possibili, con i “soldi puliti” delle sottoscrizioni personali dei nostri militanti e non messi magari a disposizione dai faccendieri di Stato (esempio, emerso in questi giorni: i 250 mila euro che il costruttore Parnasi pare abbia versato ad una associazione della Lega), abbiamo organizzato un “restitution day” per chiedere a Salvini e alla Lega non solo di consegnare subito alla Procura di Genova i 48 milioni usati dei finanziamenti elettorale distorti dalle loro finalità, ma anche perché è ora, oltre che dovuto che la Lega dica la verità sui soldi del Partito”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia