Lecco

Gattinoni: “I miei primi 90 giorni da sindaco con una partenza in salita, ma una grande squadra” VIDEO

Il primo cittadino ha annunciato che sarà lo sforzo finanziario nell'anno venturo: 26 milioni di euro di investimento

Gattinoni: “I miei primi 90 giorni da sindaco con una partenza in salita, ma una grande squadra” VIDEO
Politica Lecco e dintorni, 22 Dicembre 2020 ore 16:50

“E’ stata una partenza in salita, soprattutto le prime due settimane dal mio insediamento, a causa del Covid. Poi sono arrivati loro, la squadra…”. Il tradizionale scambio di auguri natalizi con i giornalisti delle testate locali, oggi, martedì 22 dicembre 2020,   è stato per il sindaco di Lecco Mauro Gattinoni occasione per un resoconto rapido dei primi 90 giorni di mandato. Questo dopo la “nottata” trascorsa in Consiglio comunale, dove ieri, lunedì, sono state approvate le linee politiche di indirizzo del quinquennio amministrativo, ma anche il Documento unico di programmazione, che è il manuale operativo per raggiungere i risultati promessi ai lecchesi.

La Comunità è più grande del Comune: clicca qui per leggere linee di mandato 2020-2025

Gattinoni ha riassunto in soldoni quello che sarà lo sforzo finanziario nell’anno venturo: 26 milioni di euro di investimento. Tra gli impegni più gravosi: un primo milione per avviare la riqualificazione dell’area ex Piccola; 7 milioni e 200mila euro per il secondo lotto del nuovo municipio in via marco d’Oggiono; 650mila euro per completare il Teatro della Società e oltre 5 milioni per l’adeguamento di Villa Manzoni, ma anche i primi due milioni (sugli 11 complessivamente stimati) sul waterfront cittadino. fatto salvo l’ultimo sforzo da 8 milioni per completare il Palazzo del Tribunale, detto anche “Cereghini”.

“Lavoriamo con spirito di squadra e questo è molto importante” ha rimarcato Gattinoni. Svelando la “routine settimanale” seguita ormai dagli assessori: “La riunione di giunta del giovedì è preceduta, il mercoledì, da una riunione pre-giunta di due ore, che abbiano denominato il G10. E’ utilissima per confrontarci, ciascuno per le sue competenze, e permette poi di trasmettere agli uffici le linee guida utili a coordinare gli interventi senza generare contraddizioni”.

D’altra parte, ha aggiunto Gattinoni con riferimento alla macchina comunale degli uffici, “Abbiamo trovato un Comune che funziona, pur nella complessità dei suoi 340 dipendenti. Tutti sono subito entrati in sintonia con la nostra idea di sviluppo della città”.

Il Covid resta però “il tema” portante, ovvero il problema sfaccettato in tanti temi-emergenze. “Ogni cassetto che apri te lo ritrovi dentro” ha metaforizzato il sindaco. “Il lato positivo è che ci sta obbligando a riflettere su quale modello di lavoro impostare. Il fatto che non si possa uscire la sera, poi – ha aggiunto scherzosamente Gattinoni – ci permette di restare a casa a studiare”.

Variante inglese del Covid: i lecchesi rientrati dalla Gran Bretagna dovranno andare a Monza a fare il tampone

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità