Menu
Cerca

Ancora vandalismi contro la Lega

Vetri rotti e scritte spray: un atto di vandalismo che si inscrive in un quadro preoccupante.

Ancora vandalismi contro la Lega
Politica 03 Settembre 2018 ore 09:32

Ancora vandalismi contro la Lega: anonimi vandali hanno danneggiato la sede di Cremona.

Vandalismi contro la Lega

A darne notizia è l’on. Paolo Grimoldi, deputato della Lega e segretario della Lega Lombarda. “La nostra sede di Cremona è stata devastata dai soliti teppisti. Nel giro di due mesi, solo in Lombardia, sono state danneggiate le sedi di Varese, di Bergamo, della Brianza e ora di Cremona.”

Vetri rotti e scritte spray

“Ovviamente vetri rotti e scritte spray non sono paragonabili alla bomba esplosa davanti alla nostra sede di Villorba nel trevigiano tre settimane fa, il danno e il pericolo sono minori ma resta il fatto che ci troviamo di fronte all’ennesimo grave atto intimidatorio contro il nostro movimento.
Da tempo denunciamo il clima di pesante intimidazione intorno al nostro movimento soprattutto in Lombardia: nell’ultimo biennio sono state aggredite e danneggiate numerose nostre sezioni in tutto il territorio regionale, passando da scritte con minacce di morte ai proiettili inviati un mese fa alla sezione di Varese, alle aggressioni delle sedi in Brianza fino a quelle fisiche, ripetute, nei confronti dei nostri militanti a Milano, alcuni finiti in ospedale, il tutto nel più totale silenzio del Pd e dalla sinistra” puntualizza Grimoldi.

“Stile anni di piombo”

“Un’escalation di minacce e attentati che preoccupa e richiama il buio di tempi che pensavamo lontani, come gli anni di piombo. Attendiamo l’intervento autorevole dei dirigenti dei partiti della sinistra, qualcuno fermi questa spirale di odio e violenza prima che ci scappi il morto” ha concluso l’onorevole.

Azione contro la Lega anche a Pontida

Solo un paio di settimane fa si è verificata una nuova “incursione” al Pratone di Pontida dove i soliti ignoti hanno cancellato la storica scritta della Lega “Padroni a casa nostra”. Infatti, nella notte tra il 20 e il 21 agosto qualcuno ha coperto il noto slogan con vernice bianca.