Forza Italia riabbraccia Nava, Piazza e Mosca

Scelta condivisa anche da altri 300 amministratori locali.

Forza Italia riabbraccia Nava, Piazza e Mosca
Lecco e dintorni, 05 Gennaio 2018 ore 16:44

Forza Italia rimpolpa le sue file con tre pezzi da novanta. Daniele Nava, Mauro Piazza e Sabrina Mosca sono infatti tornati ad aderire al partito di Silvio Berlusconi.

Forza Italia, tre colpi da novanta

La notizia è di quelle destinati a mutare gli scenari politici del territorio a ridosso delle elezioni. Daniele Nava, sottosegretario in Regione Lombardia, già Presidente della Provincia e Vice Sindaco di Lecco, Mauro Piazza, Consigliere regionale, e Sabrina Mosca, Consigliere regionale, sono infatti entrati ufficialmente in Forza Italia. I tre esponenti politici, con un forte radicamento territoriale, hanno dunque compiuto questa scelta “nell’ottica del continuo rafforzamento del movimento del Presidente Silvio Berlusconi”. Tornano quindi ad aderire, in accordo con i vertici regionali di Forza Italia, al movimento azzurro. Con l’obiettivo dichiarato per lavorare alla vittoria. Alla guida “di un centro destra che veda una forte presenza di una componente moderata, liberale e popolare”. Con loro aderiscono inoltre una rete territoriale lombarda di oltre 300 amministratori locali.

La mano tesa della Brambilla

La decisione di Nava, Piazza e Mosca è sicuramente clamorosa. Ma non del tutto inaspettata. Prima di Natale infatti l’onorevole forzista Michela Vittoria Brambilla aveva teso la mano soprattutto a Nava e Piazza. Sancendo di fatto la pace nell’universo del centro-destra lecchese. Questa la motivazione ufficiale della scelta compiuta dai tre noti esponenti politici: “Per continuare l’ottimo lavoro svolto sul territorio lombardo, questa rete si rende disponibile a portare il proprio contributo alle prossime elezioni regionali e nazionali di intesa con il presidente Berlusconi” si legge nella nota ufficiale diffusa poco fa.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia