Economia
Arredamento

Salone del Mobile: la creatività delle MPI protagonista assoluta della manifestazione

Nel corso della pandemia, il settore del legno e mobili si è dimostrato tra i più resilienti anche nella nostra provincia

Salone del Mobile: la creatività delle MPI protagonista assoluta della manifestazione
Economia Lecco e dintorni, 09 Giugno 2022 ore 12:44

L’Italia si conferma il Paese del bello, dove lo stile detta le sue tendenze e la Lombardia fa da traino con Milano capitale dell’Italian style e casa del Salone del mobile e delle frizzanti attività del FuoriSalone. Le MPI e gli artigiani, in questo panorama, si confermano protagonisti assoluti con un caleidoscopio di attività che delineano la forma concreta dell’ingegno e della creatività della persona, con una compagine di dipendenti stabile, che ha imparato fianco a fianco al titolare e continua ogni giorno a implementare ed allineare competenze tecniche e conoscenze trasversali”. Ad affermarlo è Daniele Riva, presidente di Confartigianato Imprese Lecco.

Daniele Riva

Salone del Mobile: la creatività delle MPI protagonista assoluta della manifestazione

“Il settore del Legno Arredo è uno di quei comparti nei quali la tradizione – aggiunge Giampiero Conti, presidente categoria Legno Arredo di Confartigianato Imprese Lecco – che si tramanda di padre in figlio, con tante aziende familiari di più generazioni – si coniuga all’innovazione, con le nostre imprese che si sono dimostrate capaci di intercettare bandi e incentivi per innovare il proprio parco macchinari e, contestualmente, allineare le competenze e il saper fare per proporre prodotti funzionali e belli al mercato mondiale”.

Gli artigiani ella nostra provincia

Nel corso della pandemia, il settore del legno e mobili si è dimostrato tra i più resilienti anche nella nostra provincia, grazie all’apporto di 239 micro e piccole imprese (141 del settore mobili e 98 del settore legno) nelle quali sono occupati 960 addetti, con un incidenza delle imprese artigiane che sfiora il 90%.

LEGGI ANCHE Al via la 60esima edizione del Salone del Mobile

Nel 2021 l’export del settore legno arredo lecchese ha fatto registrare un valore di 31.634.086 euro, con un recupero del 22,9% sul 2020.

Nei primi due mesi del 2022, i dieci mercati che danno il maggiore contributo all’aumento dell’export sono Stati Uniti che, segnando un +32,2%, contribuiscono per il 18,7% dell’aumento dell’export, Regno Unito con +25,0% contribuisce per il 9,9%, Francia  con +7,6% contribuisce per il 7,8%, Germania con +13,0% contribuisce per il 7,3%, Svizzera  con +31,1% contribuisce per il 6,2%, Cina con +21,2% ed Emirati Arabi Uniti con +70,4%, entrambi contribuiscono per il 4,5% ciascuno, Spagna  con +22,3% contribuisce per il 4,0%, Canada  con +47,2% contribuisce per il 3,5% e infine Repubblica Ceca  con +73,0% contribuisce per il 2,2%.

Per il sistema manifatturiero di legno e mobili le tensioni sui costi generati dal caro-commodities e dalla crisi energetica si associano alla scarsità di materie prime, che nel primo trimestre 2022 ostacola quasi una impresa manifatturiera su quattro (22,7%), per salire al 24,2% nei mobili, fino al 27,6% del legno, delineando gli effetti delle persistenti strozzature nelle filiere globali.  Sul mercato del lavoro, persiste una elevata la difficoltà di reperimento di operai specializzati, che nel settore del legno a maggio 2022 è del 59,4%, in aumento di 5,8 punti rispetto ad un anno prima.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter