Valle San Martino: turismo religioso e percorsi slow fiore all’occhiello del territorio lecchese

Lara Magoni: "Il mio impegno come assessore è volto alla valorizzazione dei piccoli borghi e di località meno conosciute al grande pubblico".

Valle San Martino: turismo religioso e percorsi slow fiore all’occhiello del territorio lecchese
Valle San Martino, 21 Marzo 2019 ore 17:36

“Valle San Martino è un territorio strategico per Regione Lombardia. Una realtà importante, a cavallo tra le provincie di Lecco e Bergamo, dove il turismo religioso e i percorsi lenti sono il fiore all’occhiello e possono rappresentare un volano determinante per lo sviluppo economico locale”. E’ questo il messaggio che ha lanciato Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, in visita oggi in Valle San Martino: dopo la tappa di Cisano Bergamasco, l’assessore ha visitato il Collegio di Celana di Caprino Bergamasco e la Parrocchiale di San Gregorio di Cisano e il piccolo museo annesso, con importanti testimonianze di Papa Giovanni XXIII. Successivamente, ecco il passaggio alla Chiesetta Romanica di Santa Margherita a Monte Marenzo, nel Lecchese, la visita al Borgo di Casarola e la Chiesa di San Defendente a Torre de’ Busi e – infine – al Santuario di Santa Maria del Lavello e all’annesso Convento a Calolziocorte.

Turismo religioso e percorsi slow fiore all’occhiello del territorio lecchese

“Il mio impegno come assessore è volto alla valorizzazione dei piccoli borghi e di località meno conosciute al grande pubblico – ha detto Lara Magoni -; proprio per questi motivi, sono convinta che le realtà territoriali della Valle San Martino abbiano una notevole potenzialità turistica, con luoghi bellissimi e dal sicuro fascino attrattivo”.

Valle San Martino

“La Lombardia presenta notevoli eccellenze turistiche, dai laghi alle montagne, dalle città d’arte ai paesaggi mozzafiato: ebbene queste terra, che abbraccia due provincie come Bergamo e Lecco, permette di scoprire e apprezzare itinerari dalla grande valenza culturale e religiosa, improntati alla presenza di Papa Giovanni XXIII, e legati alla visita di castelli e fantastiche dimore nella zona pianeggiante. Senza dimenticare i percorsi ciclabili del Lecchese, che permettono la scoperta di un territorio dall’alta valenza naturalistica grazie ad un turismo lento e alla portata di tutti”. “Un potenziale che può essere espresso appieno grazie anche alla collaborazione tra le istituzioni e le forze imprenditoriali, economiche e sociali del territorio: Valle San Martino sono convinta che saprà cogliere appieno un’opportunità così importante, vista anche la vicinanza con Milano e le principali vie di comunicazione che le permettono di essere appetibile anche per un escursionismo giornaliero”, ha concluso Lara Magoni.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia