Menu
Cerca
L'intervento

"Pestaggio in Piazza Affari: un problema che arriva da lontano”

"Il nostro diritto a passeggiare tranquilli nella nostra natura vale meno del diritto di spacciare? La Politica, quella vera, risponda!"

"Pestaggio in  Piazza Affari: un problema che arriva da lontano”
Cultura Lecco e dintorni, 08 Giugno 2021 ore 11:56

Di  Luca Boscolo, Dirigente Dipartimento Legalità, Sicurezza e Immigrazione Fratelli d’Italia Provincia di Lecco

La recente notizia di cronaca in merito al pestaggio di Piazza Affari ad opera di un gruppo di ragazzotti senza nulla da temere desta clamore, ma non è un problema di oggi o per colpa del lockdown, come qualche amministratore lecchese vuol farci credere. Parliamo allora dell’area mercato, di Villa Gomes, della stazione, delle Meridiane: i cittadini da anni lamentano situazioni di diffusa e crescente illegalità in zone “franche” di spaccio e microcriminalità. La parola d’ordine per una certa politica è “nascondere i problemi sotto il tappeto”, tanto poi nel tappeto ci inciampa il cittadino comune. Le Forze dell’Ordine, sempre meno sostenute dalla politica di chi “ha paura delle divise”, fanno quello che possono con i mezzi a disposzione, attente a non urtare la sensibilità di quelli che vorrebbero poliziotti a sensibilizzare a parole venti o trenta persone armate di poca disponibilità al dialogo e, purtroppo, anche di coltelli, cocci di vetro o altro. Noi diciamo basta ad una Politica “sorda” al bene comune, bene comune che si traduce anche nella possibilità di girare tranquillamente per la propria città senza timore di essere aggredito o derubato. Il degrado dilagante della Politica “tutto permesso e vietato vietare” costringe molti Sindaci della provincia ad adottare provvedimenti estremi contro chi considera il territorio come campo di battaglia dove dare sfogo alle proprie insane pulsioni. C’è chi protesta contro Sindaci che controllano spiagge e parchi e vogliono limitarne l’accesso a chi vuole godere delle bellezze del nostro lago. Urlano contro l’ennesima “limitazione delle libertà”. Ma non siamo già limitati delle nostre libertà quando non possiamo portare i nostri figli al parco perchè i giochi vengono vandalizzati, non siamo privati dei nostri diritti quando dobbiamo fare attenzione ad uscire di sera in certe aree o abbiamo paura a prendere il treno? Il nostro diritto a passeggiare tranquilli nella nostra natura vale meno del diritto di spacciare? La Politica, quella vera, risponda!

Luca Boscolo, Dirigente Dipartimento Legalità, Sicurezza e Immigrazione Fratelli d’Italia Provincia di Lecco