Il bello dell’Orrido:  Gioele Dix presenta “La Bibbia ha (quasi) sempre ragione”

Domani, sabato 26 ottobre alle 18 al Cinema di Bellano.

Il bello dell’Orrido:  Gioele Dix  presenta “La Bibbia ha (quasi) sempre ragione”
Lago, 25 Ottobre 2019 ore 15:49

Prosegue la rassegna di incontri con gli autori su un tema-ossimoro: “Il bello dell’Orrido”: ideata da Armando Besio, la nuova iniziativa è organizzata da ArchiViVitali, in collaborazione con il Comune di Bellano, delizioso paese sul ramo lecchese del lago di Como. Bellano è famosa a livello turistico per l’Orrido: questa gola naturale, creata dal fiume Pioverna, esercita da sempre un fascino misterioso. Un’attrazione naturale, quindi, creata dalla bellezza selvaggia, dall’alone di mistero delle rocce ripide che calamitano il visitatore di ieri e quello di oggi. Armando Besio si è ispirato al fascino di questo luogo già omaggiato da Velasco Vitali nella mostra “Caduta libera” (in corso fino al 10 novembre 2019) per inaugurare una serie di incontri con scrittori, artisti, musicisti, architetti e raccontare l’idea di spavento, stupore e meraviglia del nostro immaginario.

Il bello dell’Orrido

Domani, sabato 26 ottobre si prosegue con Gioele Dix che dialoga con Armando Besio sul libro che “più di tutti ci orienta, ci influenza, ci appassiona”. Punto di partenza è infatti il saggio “La Bibbia ha (quasi) sempre ragione” (Claudiana, nuova edizione 2018).  L’autore sostiene che per chiunque – presto o tardi – Dio sia il problema. E aggiunge: “Per quel che mi riguarda, considero il problema parzialmente irrisolto. È come un cantiere aperto, i lavori sono ancora in corso e la data di consegna continua a slittare. Non ho dubbi sull’esistenza di Dio, ma cerco Sue tracce più chiare nella mia, di esistenza. Vorrei avvicinarmi e, di quando in quando, ci provo. La soluzione è incerta, ma il metodo sembra sicuro: inutile attendersi che Dio si occupi personalmente di ognuno, perciò è giusto metterci noi in contatto per primi”.

 Gioele Dix  presenta “La Bibbia ha (quasi) sempre ragione”

Gioele Dix, attore, autore e regista milanese, ha esordito nella prosa, formandosi al fianco di grandi maestri come Franco Parenti e Sergio Fantoni. Ha poi intrapreso la carriera di solista comico partecipando a trasmissioni televisive quali “Mai dire gol” e “Zelig”. Significative, a teatro, alcune commistioni fra classico e comico: Edipo.com (2003), ispirato alla tragedia di Sofocle, e La Bibbia ha (quasi) sempre ragione (2006), su una scelta di storie tratte dall’Antico Testamento. Tra i suoi numerosi libri, non solo umoristici, ricordiamo: Quando tutto questo sarà finito (Mondadori), sulle vicissitudini della sua famiglia dopo l’emanazione delle leggi razziali, e il recente Dix Libris. La mia storia sentimentale della letteratura (Rai Eri).

 

IN CALENDARIO 

  • sabato 23 novembre: lo scrittore e professore di Letteratura italiana contemporanea all’Università Statale di Milano Mauro Novelli parla del suo ultimo libro, “La finestra di Leopardi – viaggio nelle case dei grandi scrittori italiani” (Feltrinelli).
  • sabato 7 dicembre: Giorgio Terruzzi racconta se stesso e le inquietudini della sua giornata, che diventa quella di ciascuno di noi. “Pro-fumo” (Cinquesensi). Vita, amori, ideali delusi, speranze non ancora sopite di un grande giornalista e scrittore.

 

Il curatore del festival: Armando Besio

Genovese di nascita (1957), si è laureato in Storia dell’Arte con il professor Corrado Maltese presso l’Università di Genova, ha lavorato al Secolo XIX, al Lavoro e al Venerdì di Repubblica, ed è stato responsabile per vent’anni delle pagine culturali milanesi della Repubblica. Collabora con la Milanesiana, la manifestazione culturale ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, e dirige da 12 anni il festival “Zelbio Cult – incontri d’autore su quell’altro tramo del lago di Como”, di cui è anche ideatore.

 

La rassegna è realizzata grazie al sostegno di: 20 Red Lights, La Scala, Orrido di Bellano, Torneria Automatica Alfredo Colombo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia