Bellano, riparte la seconda edizione rassegna culturale “Di Martedì”

Otto serate che spaziano nei temi: dalla botanica al cinema, dalla letteratura alla filosofia, dalla geologia alla musica

Bellano, riparte la seconda edizione rassegna culturale “Di Martedì”
Lago, 27 Ottobre 2019 ore 11:29

Il 29 ottobre riparte “Di Martedì”, la rassegna culturale giunta alla seconda edizione. Otto serate divulgative che toccheranno diverse materie del conoscere.

“Di Martedì” a Bellano

La rassegna, come già detto, tratterà diversi temi: dalla botanica al cinema, dalla letteratura alla filosofia, dalla geologia alla musica. A presentarla è il sindaco di Bellano Antonio Rusconi: “Credo sia un’importante conferma nel già ricco programma di iniziative a sfondo culturale del bellanese”.

Le serate

Gli incontri saranno ad ingresso libero e si svolgeranno nella nuova sala civica in via Marinai d’Italia (ex cirolo lavoratori – bocciodromo) ed avranno la durata di circa un’ora, con inizio alle 20.45.

Incontri che arricchiscono

“Ogni serata conterrà qualcosa di interattivo, un accompagnamento con proiezioni, di filmati o slides, così da poter rendere più viva e coinvolgente la presentazione. – commenta Rusconi – Crediamo che spaziando in diversi ambiti i partecipanti possano portare a casa una grande ricchezza. Un grande ringraziamento va quindi un grazie al Preside dell’istituto scolastico di Bellano che coordina il progetto ed ai relatori che allieteranno queste serate”.

Primo incontro sulla botanica

“Il primo incontro – conclude il Sindaco – si terrà il 29 ottobre e avrà come tema la botanica. Dato che la caduta del platano secolare all’interno dei giardini dell’Orrido ci ha toccati da vicino, abbiamo colto l’occasione per invitare il dott. Agronomo Marco Pecollo che ci terrà un incontro dove spiega i corretti metodi per la manutenzione e la gestione delle piante arboree presenti sul nostro territorio”.

Gli incontri successivi

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia