Lecco

Violenza e degrado in centro: il prefetto invoca il Daspo Urbano

Per il Prefetto c'è la necessità "di intensificare i controlli da parte delle Forze dell'Ordine ed adottare misure in grado di incidere positivamente sulla tutela della sicurezza urbana attraverso il ricorso allo strumento previsto dall’articolo 9 del decreto di sicurezza"

Violenza e degrado in centro: il prefetto invoca il Daspo Urbano
Lecco e dintorni, 21 Maggio 2020 ore 21:13

Un’attenta disamina della situazione della sicurezza pubblica nella Città di Lecco, all’indomani della grave aggressione verificatasi nel centro cittadino nella tarda serata di ieri (CLICCA QUI PER VEDERE L’IMPRESSIONANTE VIDEO) è stata al centro della riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto di Lecco Michele Formiglio alla quale  hanno partecipato i responsabili provinciali delle Forze di polizia, il Sindaco di Lecco, il Comandante della Polizia Stradale, il Comandante della Polizia Ferroviaria ed il Comandante della Polizia Locale di Lecco. Un incontro durante il quale il rappresentante dell’Ufficio territoriale del Governo ha invocato la misura del Daspo Urbano contro la violenza e il degrado in centro

LEGGI ANCHE 

Botte da orbi in centro Lecco: chiesto l’intervento del Ministro Lamorgese

Minuzzo: “Mentre la maggioranza si parcellizza a Palazzo Bovara, il centro città è abbandonato a se stesso”

Violenza e degrado in centro: il prefetto invoca il Daspo Urbano

“Il Comitato ha approfondito le problematiche emerse in relazione all’episodio verificatosi in piazza XX settembre ad opera di soggetti senza fissa dimora, refrattari a qualsiasi forma di intervento volto all’accoglienza e all’inserimento sociale” si legge in una nota della Prefettura. Come noto ormai ieri sera una accesa lite tra clochard si è  trasformata in un a inquietante aggressione a suon di sediate che ha richiesto intervento di sanitari e forze dell’ordine. “Il Prefetto, esprimendo forte condanna nei confronti del violento episodio verificatosi, ha posto in luce la necessità di intensificare i controlli da parte delle Forze dell’Ordine ed adottare misure in grado di incidere positivamente sulla tutela della sicurezza urbana attraverso il ricorso allo strumento previsto dall’articolo 9 del decreto di sicurezza che prevede la possibilità, rimessa ai regolamenti comunali, di inserire le aree urbane teatro dei fatti di cui trattasi tra i siti dove può essere prescritto il divieto di stazionamento e la conseguente eventuale applicazione del cosiddetto Daspo urbano, la cui inosservanza è assistita da una specifica sanzione penale”.

La richiesta al sindaco Brivio

Il Prefetto ha quindi chiesto al Sindaco Virginio Brivio  di valutare, nell’ambito delle proprie competenze, “la possibilità di intraprendere tale iniziativa volta ad incidere sul fenomeno delinquenziale in questione, dando piena attuazione alle citate previsioni di legge, che esprimono il senso di una forte e comune volontà di elevare la cornice di sicurezza nel centro cittadino”. Il Sindaco di Lecco,  dal canto suo ha ribadito il consolidato impegno dell’Amministrazione comunale nella gestione sociale delle marginalità e  “ha manifestato ampia disponibilità ad adottare tutte le ulteriori misure necessarie per contenere i fenomeni che compromettono la sicurezza ed il decoro urbano”.

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia