Menu
Cerca
Il caso

Vaccini ai fragili in Lombardia, prenotazioni partite, ma mancano i form per i medici di base: problemi nel Lecchese

Tutti i medici di base interpellati  in provincia di Lecco hanno confermato ai pazienti di “avere le mani legate”. I dottori hanno infatti confermato che nei giorni scorsi Ats ha provveduto a chiedere loro di segnalare i pazienti fragili, ma non è stato messo a disposizione alcun form per inviare ufficialmente la lista.

Vaccini ai fragili in Lombardia, prenotazioni partite, ma mancano i form per i medici di base: problemi nel Lecchese
Cronaca Lecco e dintorni, 09 Aprile 2021 ore 12:11

Vaccini ai fragili in Lombardia: prenotazioni partite, ma mancano i form per i medici di base: problemi nel Lecchese. Oggi, 9 aprile 2021, si sono aperte le prenotazioni per le vaccinazioni dei cittadini estremamente fragili in Lombardia. I cittadini appartenenti alle categorie dei soggetti fragili possono prenotare la vaccinazione sulla piattaforma online dedicata https://prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it/, chiamando il numero verde 800.894.545, recandosi allo sportello automatico Postamat oppure rivolgendosi anche al postino.

CLICCA QUI PER VEDERE CHI PUO’ PRENOTARE

Vaccini ai fragili in Lombardia: primi problemi, molti cronici e caregiver slittano

Ma c’è subito uno scoglio. Molte le segnalazioni circa l’impossibilità di iscrivere i propri parenti, seppure ne avessero diritto e rientrassero nei parametri delle patologie riconosciute dalle Raccomandazioni ad Interim sui gruppi target della vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19.

Vediamo dunque, passo per passo, come effettuare l’iscrizione e cerchiamo di capire cosa non sta funzionando.

Le Ats stanno indicando una nuova data per coloro che sono rimasti esclusi nonostante ne avessero dirittoIl motivo? Mancava il form con cui i medici di base potessero comunicare la lista dei loro fragili.

Le prime problematiche riscontrate: l’esempio di Lecco

Diversi lettori, già alla vigilia dell’apertura delle iscrizioni, ci hanno segnalato dei problemi logistici di non poco conto. Dopo aver letto di questa opportunità si sono rivolti al proprio medico curante per sincerarsi di rientrare nelle categorie di diritto, riconoscendosi nelle patologie indicate.

Tutti i medici di base interpellati  in provincia di Lecco hanno confermato ai pazienti di “avere le mani legate”. I dottori hanno infatti confermato che nei giorni scorsi Ats ha provveduto a chiedere loro di segnalare i pazienti fragili, ma non è stato messo a disposizione alcun form per inviare ufficialmente la lista.

Pazienti fragili aventi diritto rimbalzati dal sistema

Stamane quindi, con le iscrizioni aperte ufficialmente, molte persone che rientrano nella tabella di patologie individuate dalle Raccomandazioni ad Interim sui gruppi target della vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19 hanno provato ad iscriversi, venendo però rimbalzate dal sistema. Il messaggio comparso blocca l’iscrizione dicendo che la persona che sta tentando di effettuare l’iscrizione non rientra negli aventi diritto.

Parliamo di persone diabetiche, con gravi compromissioni respiratorie e afflitte da una serie di patologie, invece, riconosciute sia dai medici di base che dalle linee guida. Il problema è che per il sistema non esistono: perché i loro medici non hanno avuto modo di segnalarli al sistema.

Nessuna risposta dal Vax Manager

Dopo una serie di segnalazioni abbiamo quindi tentato di contattare il Vax Manager e i centralini preposti di Ats Brianza, essendo tutti casi certificati corrispondenti a quei territori. I due numeri di cellulare indicati risultano “momentaneamente irraggiungibili“.

A quel punto abbiamo tentato di contattare il call center di Regione Lombardia, ma anche in quel caso, a causa dell’alto numero di chiamate in corso, non abbiamo potuto parlare con nessun operatore.

Le risposte dell’Ats Brianza

A rispondere alle nostre domande e a quelle dei nostri lettori è infine Ats Brianza, ma non i Vax Manager preposti i cui numeri continuano ad essere non raggiungibili. Ci viene confermato che qualche problema logistico c’è ancora ma è in via di risoluzione.

“Nella giornata di oggi forniamo ai medici gli elenchi dei loro assistiti disabili ed estramamente vulnerabili già inseriti nel portale. Da lunedì ogni medico avrà la possibilità, tramite un form creato ad hoc, di integrare le liste presenti con gli assistiti ad elevata fragilità mancanti. Dal giorno successivo sarà poi possibile prenotare vaccino per questi soggetti”.

In buona sostanza, quindi, tutti quei cittadini aventi diritto perché afflitti da patologie riconosciute dalle tabelle ministeriali ma privi di ticket ed esenzioni specifiche devono attendere che il medico di base, da lunedì (secondo quanto comunica Ats) abbia la possibilità di segnalarli e potranno quindi iscriversi dalla giornata di martedì 13 aprile 2021, se tutto va secondo i tempi che ci sono stati indicati in data odierna.

Soggetti fragili in carico alle strutture ospedaliere

Per quanto riguarda infine i pazienti fragili in carico a strutture ospedaliere le prenotazioni sono già attualmente in corso.

In questo caso, i cittadini “estremamente vulnerabili”, individuati dal Ministero della salute con le “Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19″, che sono in carico e seguiti dai Centri di riferimento specialistici presso le strutture ospedaliere, pubbliche e private, vengono contattati direttamente da tali strutture per la programmazione dell’appuntamento.