Menu
Cerca

Tentano di rubare due computer: in manette

Uno dei due ha provato a discolparsi gettando il pc dalla finestra.

Tentano di rubare due computer: in manette
Cronaca Lecco e dintorni, 07 Settembre 2018 ore 18:22

Tentano di rubare due computer portatili all’interno del negozio Mediaworld di Lecco, ma vengono scoperti e finiscono in manette.

Tentano di rubare due computer

L’episodio è accaduto ieri. Due giovani di origini marocchine B.H., classe 1987 e E.G.M. , classe 1985 con vari precedenti di Polizia in particolare per reati contro il patrimonio, regolari sul territorio nazionale, sono stati notati mentre si aggiravano nel punto vendita con fare sospetto. Dopo essersi soffermati nel reparto pc si sono diretti verso l’uscita ma sono stati fermati dal responsabile del settore informatico. Il negoziante ha chiesto loro di fermarsi e mostrare il contenuto delle loro borse. Il più anziano dei due,  che trasportava un borsa di nylon dalla quale sporgeva un computer portatile, vistosi scoperto ha ammesso   subito le sue responsabilità. Si è poi offerto  di riparare al danno pagando la merce. B.H invece si è mostrato reticente. Ha subito  alzato la voce contro il personale. Per questo il direttore dell’esercizio commerciale lo ha condotto nel suo ufficio. Nel frattempo sul posto sono arrivati gli uomini delle Volanti della Questura di Lecco.

L’escamotage fallito e l’arresto

Nel frangente, approfittando della distrazione del personale del negozio e con la scusa di accendersi una sigaretta, B.H, ha sfliato  il PC dalla propria borsa con l’intento di liberarsene, gettandolo dalla finestra. Peccato che  il direttore, non solo si sia accorto di tutto, ma abbia anche tentato di immortalare la scena con il cellulare. A quel punto  il giovane straniero  ha cercato di strappare dalle mani del responsabile il telefono, impedendogli di fare le foto. Da lì sono scattate per entrambi le manette, ma se E.G.M. è stato accusato “solo” di furto aggravato, B.H è stato arrestato anche per resistenza a Pubblico ufficiale e violenza privata.

Uno in carcere

Nella mattinata  di oggi ha avuto luogo il rito direttissimo presso il Tribunale di Lecco, dove veniva  è stato convalidato l’arresto di entrambi. Il giudice ha disposto per E.G.M. a misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, mentre B.H. è stato portato nella  Casa Circondariale di Lecco in attesa di giudizio.