Violenza

Taglio di capelli sbagliato? Cliente sferra un pugno al parrucchiere che finisce in ospedale

L'incredibile vicenda, i cui contorni sono al vaglio dei Carabinieri che sono intervenuti sul posto, è successa nel pomeriggio di oggi, martedì 24 agosto 2021, a Calolziocorte, in pieno centro.

Taglio di capelli sbagliato? Cliente sferra un pugno al parrucchiere che finisce in ospedale
Cronaca Lecco e dintorni, 24 Agosto 2021 ore 18:39

Taglio di capelli sbagliato? Cliente sferra un pugno al parrucchiere che finisce in ospedale. L'incredibile vicenda, i cui contorni sono al vaglio dei Carabinieri che sono intervenuti sul posto, è successa nel pomeriggio di oggi, martedì 24 agosto 2021, a Calolziocorte, in pieno centro.

Taglio di capelli sbagliato? Cliente sferra un pugno al parrucchiere che finisce in ospedale

Ad essere trasportato in ospedale è stato un coiffeur 35enne che lavora all'interno del negozio New Look di via Fratelli Calvi, gestito da  professionisti di origine cinese. L'uomo è stato trasportato al Manzoni di Lecco con una evidente ferita al volto che ha provocato una abbondante fuoriuscita di sangue.

LEGGI ANCHE Senza patente, tenta la fuga dai Carabinieri in contromano

Secondo le testimonianze raccolte sul posto tutto sarebbe accaduto intorno alle 16.15. Il parrucchiere avrebbe eseguito un taglio di capelli ma il  risultato finale, dopo lo sferruzzare di forbici e rasoio, non sarebbe risultato di gradimento  al cliente. Un cliente che evidentemente teneva davvero tanto alla sua capigliatura visto che è andato su tutte le furie. Tra i due sarebbe iniziata una discussione ma dalle parole si è passati alle mani.

Colpito con un  pugno in pieno volto il 35enne stramazzato al suolo. Spaventata la collega dell'uomo ha chiesto subito l'intervento di forze dell'ordine e sanitari. Sul posto quindi si sono precipitati sia i Carabinieri che i volontari del Soccorso di Calolzio che hanno medicato il ferito e poi lo hanno trasportato in ospedale a Lecco  per gli accertamenti del caso. L'uomo non versa in gravi condizioni (i sanitari si sono mobilitati in codice giallo che si è poi tramutato in verde). Toccherà come detto ai militari raccogliere testimonianze, versioni ed eventuale denuncia per lesioni.

Mario Stojanovic