Cronaca
Doppia operazione

Svolta nel giallo del cadavere completamente nudo sul Cornizzolo: arrestato il presunto autore del delitto

L'omicidio sarebbe stato commesso per questioni legate al mancato pagamento di una partita di sostanza stupefacente.

Svolta nel giallo del cadavere  completamente nudo sul Cornizzolo: arrestato il presunto autore del delitto
Cronaca Lecco e dintorni, 08 Giugno 2020 ore 11:57

Svolta nel giallo del cadavere  completamente nudo sul Cornizzolo: arrestato il presunto autore del delitto. La terribile vicenda risale a tre anni fa: il 2 aprile 2017 era stato ritrovato un cadavere al Cornizzolo oggi, 8 giugno 2020 sono finite in manette 5 persone e tra queste il presunto autore materiale.

Svolta nel giallo del cadavere completamente nudo sul Cornizzolo: arrestato il presunto autore del delitto

Come riportano i colleghi di primacomo.it i Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Como hanno tratto in arresto un  pluripregiudicato, inserito organicamente nella “locale“ di ‘ndrangheta di Erba  (famiglia Varca–Crivaro), già domiciliato in Koplik (Albania), per i reati d’omicidio e occultamento di cadavere di Metaj Besnik nonché di detenzione e porto d’arma da fuoco illegale. Il corpo di Metaj Besnik era stato trovato parzialmente sepolto nei boschi del monte Cornizzolo, nel comune di Eupilio. Il cadavere presentava dei fori di arma da fuoco in testa ed era completamente nudo, chiara evidenza di una vera e propria esecuzione. Sempre stamattina  il personale della Squadra Mobile di Treviso ha eseguito, nel medesimo contesto investigativo, 4 misure cautelari nei confronti di altrettanti uomini  appartenenti al sodalizio criminale.

Doppia operazione

Gli arresti sono arrivati grazie alla conclusione di due distinte operazioni investigative denominate "Maschere" e "Nemico Pubblico" che hanno riguardato l’interruzione di un sodalizio criminoso di etnia italo albanese per lo spaccio di sostanze pericolose. Nelle prime ore di oggi, 8 giugno 2020, La Squadra Mobile della Questura di Treviso, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, e i Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Como e la collaborazione della Squadra Mobile di Reggio Calabria, hanno eseguito 5 Ordinanze di Custodia Cautelare in carcere e un provvedimento di Divieto di Dimora, nonché 12 perquisizioni domiciliari, a conclusione di una complessa indagine diretta dalla Procura Distrettuale di Venezia inerente un vasto traffico di sostanze stupefacenti tra il Veneto la Lombardia e la Calabria e l’estero, in particolare Albania, Romania, Inghilterra e Germania.

Nel corso dell’indagine, che si è protratta per circa due anni, sono stati sequestrati circa 350 Kg di marijuana e g.270 di cocaina, nonché sostanze dopanti e anfetamine, e sono stati tratti in arresto in flagranza di reato 8 individui. Nel corso della stessa indagine uno dei sodali, identificato per Metaj Besnik era appunto stato trovato morto sul cornizzolo, omicidio che sarebbe stato commesso per questioni legate al mancato pagamento di una partita di sostanza stupefacente.