Cronaca
Il fatto non sussiste

Sindaco di Merate assolto per le frasi durante la diretta facebook in pandemia

La parola fine della vicenda giudiziaria che lo vedeva sul banco degli imputati è arrivata oggi, martedì 27 settembre 2022, in un aula del Tribunale di Lecco.

Sindaco di Merate assolto per le frasi durante la diretta facebook in pandemia
Cronaca Meratese, 27 Settembre 2022 ore 17:04

Il  primo cittadino di Merate non ha commesso alcun reato. Massimo Panzeri è stato assolto perchè  il fatto non sussiste. La sentenza del giudice Giulia Barazzetta  del Tribunale di Lecco è arrivata oggi, martedì 27 settembre 2022. Panzeri era a processo accusato du aver istigato  alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico i cittadini durante l'ormai famigerata diretta facebook in piena emergenza Covid. Il pubblico ministero Mattia Mascaro aveva avanzato una richiesta di condanna con pena di sei mesi di reclusione.

Sindaco di Merate assolto per le frasi durante la diretta facebook in pandemia

La parola fine della vicenda giudiziaria che lo vedeva sul banco degli imputati è arrivata oggi, martedì 27 settembre 2022, in un aula del Tribunale di Lecco.

Il processo, che come detto si è concluso con una assoluzione, era legato ad alcune frasi che il sindaco di Merate aveva pronunciato  con superficialità durante una diretta Facebook il 3 maggio 2020, in piena pandemia.

Il borgomastro, bersagliato dalle domande tramite social da parte dei cittadini, si era infatti lasciato scappare alcune espressioni ambigue su come comportarsi a fronte dei divieti che erano vigenti per arginare la diffusioni del virus.

Era stato prima duramente "bacchettato" dalle minoranze ( "Ci chiediamo come sia possibile che un Sindaco consigli ai cittadini di violare le regole – chiare o oscure, giuste o sbagliate che siano" avevano tuonato Aldo CastelliRoberto PeregoPatrizia RivaAlessandro Pozzi e Gino del Boca)  e poi la vicenda era passata dalle aule del Palazzo municipale a quelle del Palazzo di Giustizia.

Si perchè alcune della affermazioni avevano prefigurato il reato di istigazione a disobbedire le leggi (Chiunque pubblicamente istiga alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico, ovvero all'odio fra le classi sociali, e' punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni).

Ipotesi quest'ultima che, con la sentenza di oggi, è stata quindi "rigettata".

LEGGI ANCHE 

Merate, la minoranza accusa: "Il sindaco invita ad aggirare le norme sulla Fase 2"

Diretta Facebook con "scivolone" sulle norme della Fase 2, Panzeri attaccato nuovamente

Seguici sui nostri canali