Menu
Cerca
Lecco

“Sentenza scandalosa”: la mamma di Chiara Papini, investita e uccisa a 19 anni, urla il suo dolore

"Sono giorni che il mio cuore non trova pace, non riesco a comprendere come sia stato possibile giungere a questa conclusione"

“Sentenza scandalosa”: la mamma di  Chiara Papini, investita e uccisa a 19 anni, urla il suo dolore
Cronaca Lecco e dintorni, 19 Aprile 2021 ore 18:14

Un dolore lacerante, che logora l’anima ogni giorno da un anno a questa parte. Un dolore che, se possibile, è stato reso ancora più acuto e  straziante da una sentenza che lei non esita a definire “scandalosa”. Maria Frigerio, la mamma della giovane lecchese Chiara Papini, investita e uccisa a 19 anni nel maggio dello scorso anno in via Papa Giovanni XXIII a Lecco, urla il suo sdegno. Lo fa con una lettera inviata alla nostra redazione che arriva a pochi giorni dalla decisione dei giudici della Corte di appello di Milano che hanno confermato la pena  di 5 anni e 6 mesi a Samuele Mellace, il giovane che travolse la luce dei suoi occhi.

“Sentenza scandalosa”: la mamma di Chiara Papini, investita e uccisa a 19 anni urla il suo dolore

Dopo quasi un anno dall’incidente, ho pensato di dare voce a ciò che provo, che sento, sono certa che Chiara è con me.

Lei e Fabio, i miei figli, mi spingono ad esprimere la mia amarezza ma anche speranza.

È stata emessa la sentenza. Nulla è cambiato dal primo giudizio, le attenuanti generiche hanno prevalso anche questa volta. La condotta di Samuele Mellace prima e dopo l’incidente non ha nessun valore per la Corte d’Appello. E’ la giovane età a prevalere, ogni gesto illecito è stato normalizzato accomodandosi sulla sua età, il problema è stato risolto: 22, gli anni del colpevole.

Sono giorni che il mio cuore non trova pace, non riesco a comprendere come sia stato possibile giungere a questa conclusione; rileggo gli atti d’indagine, diversi sono i gesti illeciti commessi dal condannato prima e dopo l’incidente, mi pongo molteplici domande, ma un’unica risposta rimbomba “la giovane età”.

Faccio fatica ad accettare tutto questo. Probabilmente si sono dimenticati della giovane età di mia figlia Chiara, 19 anni.

Oggi, dal profondo del mio dolore, è nato un desiderio, questa volta non voglio tacerlo. Parlo agli amici di Chiara, mi rivolgo al mondo giovanile, che ho avuto l’onore e il piacere di conoscere e che mi hanno accompagnato in questi mesi di dolore standomi vicino. 

Rivolgo a loro poche e semplici parole:

non accomodatevi su questa sentenza, non sentitevi sempre giustificati dalla “giovane età”, attraversate il vostro tempo con cura, con responsabilità, scoprite la vostra strada e percorretela il meglio possibile, guardate l’orizzonte senza porvi limiti facendo un passo in avanti per avvicinarlo, scoprirete il mondo, la vita, vi ritroverete sempre dove non siete mai stati ed ogni passo vi regalerà stupore, meraviglia, i vostri cuori si coloreranno di semplicità, di umiltà e di bellezza.

Vivete il tempo con rispetto perché implacabile, in questo anno avete imparato che l’esistenza è preziosa. 

Osate e siate essenziali come i colori per un artista o la preghiera per un credente, come le ali per il gabbiano Jonathan Livingston.

Fate della vostra vita un’opera d’arte.

 

Questa sentenza non ha avuto rispetto della vostra giovane età che con fatica state percorrendo ma con altrettanto coraggio ed entusiasmo la volete attraversare per diventare uomini e donne migliori.

Rivolgo un pensiero anche ai genitori di questi giovani che con impegno, sacrificio e coscienza crescono i loro figli insegnando il senso civico di convivenza e l’amore per la vita. Questa sentenza non ha avuto rispetto delle nostre fatiche. 

Maria