ennesimo episodio di violenza

Scontri e minacce fuori dalla discoteca: Daspo per il lecchese Baby Gang

In caso di violazione il rapper lecchese rischia una sanzione penale che prevede la reclusione da 6 mesi a 2 anni e la multa da 8mila a 20mila euro. 

Scontri e minacce fuori dalla discoteca: Daspo per il lecchese Baby Gang
Cronaca Lecco e dintorni, 25 Agosto 2021 ore 08:12

Solo pochi giorni fa è stato "protagonista" sulla Riviera romagnola, non tanto con la sua voce, ma a causa della guerriglia urbana che si è scatenata che è si è scatenata dopo che è saltato un suo concerto. Episodi di violenza de devastazione in cui non è rimasto direttamente coinvolto, ma che hanno suscitato. Quanto invece successo a Milano lo riguarda direttamente tanto che nei suoi confronti è stato preso un provvedimento: Daspo per il lecchese Baby Gang.

Scontri e minacce fuori dalla discoteca: Daspo per il lecchese Baby Gang

Il rapper ventenne lecchese Zaccaria Mouhib,  il rapper Rondo da Sosa (al secolo  Mattia Barbieri, 19 anni) e altre quattro persone sono infatti state colpite dai provvedimenti del Questore di Milano (avvisi orali, fogli di via e daspo Willy appunto per il lecchese) dopo gli scontri  e le minacce  minacce  avvenuti fuori dalla discoteca Old Fashion di Milano.

I giovani, secondo quanto ricostruito dalla Questura meneghina, sarebbero stati respinti mentre tentavano di entrare nel locale e questo avrebbe causato una reazione violenta. Prima avrebbero minacciato i buttafuori, quindi avrebbero ingaggiato una colluttazione e  poi lanciato sassi contro l'ingresso.

Cosa rischia

I fatti sono avvenuto nella notte del 12 agosto: il primo al quale sarebbe stato vietato l'ingresso è stato Barbieri che ha poi chiesto man forte al lecchese Baby Gang da lì il parapiglia. Nei confronti di Zaccaria Mouhib è stato emesso il Daspo per la città metropolitana di Milano della durata di due anni. In caso di violazione il rapper lecchese  rischia sanzione penale che prevede la reclusione da 6 mesi a 2 anni e la multa da 8mila a 20mila euro.

Nuovi guai

Il Daspo  è solo l'ultimo dei provvedimenti giudiziari collezionati da Baby Gang negli ultimi mesi. Prima una indagine a suo carico  dopo che  il 10 aprile 2021  insieme al collega Neima Ezza, era stato protagonista di un maxi assembramento nel quartiere San Siro di Milano, dove 300 giovani, di età compresa tra i 16 e i 20 anni, erano stati radunati per le riprese del suo video. E più recentemente una denuncia da parte della  Guardia di Finanza per una foto di tre bambini usata in un suo video.