#RiMuoviTrenord, domani presidio dei pendolari

Appuntamento a Osnago, al circolo Arci La Lo.Co. dalle 19 alle 22. La manifestazione è l'ultimo atto formale prima della consegna delle firme raccolte con la petizione #RiMuoviTrenord alla neo-assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Claudia Maria Terzi.

#RiMuoviTrenord, domani presidio dei pendolari
Lecco e dintorni, 16 Aprile 2018 ore 17:49

Domani, martedì 17 aprile il Comitato Pendolari del Meratese ha organizzato un presido in stazione. Si svolgerà a Osnago, al circolo Arci La Lo.Co. dalle 19 alle 22. La manifestazione è l’ultimo atto formale prima della consegna delle firme raccolte con la petizione #RiMuoviTrenord  alla neo-assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Claudia Maria Terzi.

LA PAGINA FACEBOOK DEL COMITATO

#RiMuoviTrenord

La raccolta firme ha abbondantemente sfondato quota 1800 adesioni. Il suo obiettivo principale è  ottenere un “servizio migliore e una gara europea per l’assegnazione del  servizio (l’attuale contratto tra Regione e Trenord scade nel 2020)”

La rabbia dei pendolari

“Negli ultimi mesi, il livello di servizio scaduto da Trenord è sceso a livelli mai visti” spiegano i membri del Comitato. “Il quarto d’ora di ritardo quotidiano si è trasformato nella soppressione quotidiana e non solo sulla S8 (LECCO-CARNATE-PORTA GARIBALDI), ma anche su tante altre linee lombarde. Le scuse possibili sono tante (mancanza di personale, mancanza di materiale rotabile, guasti sui treni o sulle linee, vandalismi,…). Ogni giorno c’è una motivazione diversa, ma i disagi sono costanti e “strutturali”. In ultima analisi, tutto dipende da una cattiva gestione e una mancanza di investimenti (anche se i soldi non mancano: il gruppo FNM, controllato dalla Regione e socio al 50% di Trenord, ha appena annunciato un utile di 21 milioni di Euro”.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia