L'intervento

Renzo e Lucio esulta per l’approvazione alla Camera del ddl Zan contro l’omotransfobia

"Ora il disegno di legge dovrà essere esaminato in Senato, ma ciò che è avvenuto ieri è sicuramente un passo significativo che ci nutre di speranza e fiducia"

Renzo e Lucio esulta per l’approvazione alla Camera del ddl Zan contro l’omotransfobia
Lecco e dintorni, 05 Novembre 2020 ore 11:20

Di  Dalila Maniaci, presidentessa di Renzo e Lucio

 

Mercoledì 4 novembre, alla Camera è stato approvato il ddl Zan contro l’omotransfobia. Un passo importante che attendevamo da tempo: lo scorso 17 luglio eravamo scesi in piazza muniti di scope organizzando il flash mob “Spazza l’odio”, proprio per manifestare la necessità di questa legge e spiegare perché non si tratta di una legge liberticida, volta a negare la libertà di opinione, come alcuni sostengono. “Non si è mai liberi di odiare” ha ribadito la senatrice Monica Cirinnà pochi giorni fa. E su questo la legge è chiara: “Sono fatte salve la libera espressione di convincimenti od opinioni nonché le condotte legittime riconducibili al pluralismo delle idee o alla libertà delle scelte, purché non idonee a determinare il concreto pericolo del compimento di atti discriminatori o violenti”

Quel giorno di luglio le persone in piazza XX settembre erano tante: oltre 150 cartelli distribuiti che citavano “Da’ voce al rispetto” fra le mani dei cittadini e la presenza di realtà e forze politiche lecchesi che hanno manifestato grande sensibilità verso il tema.

 

La proposta di legge prevede la punizione verso chi istiga a commettere o commette atti di discriminazione in base al sesso, al genere, all’orientamento sessuale, all’identità di genere e alla disabilità, concetti che sono esaustivamente definiti all’interno del ddl. Inoltre viene ufficialmente fissata la giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia. Ciò significa che ogni 17 maggio, le scuole di ogni ordine e grado dovranno inserire nella propria offerta formativa programmi di sensibilizzazione verso queste discriminazioni. Il disegno di legge inoltre prevede che lo stato metta a disposizione quattro milioni l’anno per la creazione di centri contro le discriminazioni motivate da orientamento sessuale e identità di genere, per prestare assistenza legale, sanitaria, psicologica, ed anche vitto e alloggio alle vittime dei reati di odio e discriminazione.

Ora il disegno di legge dovrà essere esaminato in Senato, ma ciò che è avvenuto ieri è sicuramente un passo significativo che ci nutre di speranza e fiducia.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia