Cronaca
La polemica

Regione rimborsa il tampone solo se sei positivo: "Essere guariti non è una colpa"

Straniero: "È un disincentivo bello e buono, che nasconde forse la volontà di non far emergere la dimensione reale del contagio in Lombardia"

Regione rimborsa il tampone solo se sei positivo: "Essere guariti non è una colpa"
Cronaca Lecco e dintorni, 19 Maggio 2020 ore 15:33

’Istituto superiore di sanità ha stabilito che se un cittadino effettua un test sierologico e questo è positivo, deve sottoporsi anche al tampone naso-faringeo, per essere certi che non sia ancora contagioso. La notizia di ieri è che Regione Lombardia, nel recepire questa direttiva, ha stabilito che, nel caso in cui un cittadino effettui il test sierologico in regime privato e abbia esito positivo, rimborserà il costo dell’esame del tampone, ma solo in caso che anche quest’ultimo sia positivo. Questa indicazione è scritta nero su bianco nelle risposte alle domande più frequenti, sul sito della Regione: “In caso di positività del tampone naso-faringeo – si legge –, il costo del tampone viene restituito al cittadino nei limiti di cui alla Dgr n. 3132/2020 tramite le Ats”. Per Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd, “questa è l’ennesima prova che Regione Lombardia non crede ai test diffusi e che persevera nella strategia sbagliata"

LEGGI ANCHE Tampone fatto privatamente? Ecco come funziona il rimborso regionale

Regione rimborsa il tampone solo se sei positivo: "Essere guariti non è una colpa"

"È assurdo che un cittadino venga punito perché non è più infettivo, quando è proprio la Regione che, correttamente, chiede a chi ha un test positivo di sottoporsi anche al tampone - sottolinea il consigliere regionale dem lecchese - Il messaggio che la Regione dà ai cittadini che hanno avuto sintomi e che, pur chiamando i numeri verdi non sono stati visitati da nessuno, o quelli che devono tornare al lavoro a contatto con colleghi e con il pubblico, o, ancora, a quelli che sono stati a contatto con persone malate, è che se vogliono proprio fare il test devono sapere che se lo devono pagare, e se per caso nel frattempo sono guariti, si devono pagare anche il tampone. È un disincentivo bello e buono, che nasconde forse la volontà di non far emergere la dimensione reale del contagio in Lombardia e il numero delle persone che non sono mai state raggiunte dal sistema sanitario regionale”.