Menu
Cerca
Bellano

Ospiti e dipendenti delle strutture sociosanitarie rappresentano più della metà dei contagiati in paese

"Non è il momento di abbassare la guardia!"

Ospiti e dipendenti delle strutture sociosanitarie rappresentano più della metà dei contagiati in paese
Cronaca Lago, 21 Aprile 2020 ore 08:56

“La metà dei contagiati in paese sono ospiti e dipendenti delle strutture sociosanitarie”. Succede a Bellano dove ad oggi, martedì 20 aprile 2020 i cittadini positivi da inizio emergenza sono 40.

LEGGI ANCHE Coronavirus: i positivi in provincia di Lecco COMUNE PER COMUNE

Ospiti e dipendenti delle strutture sociosanitarie rappresentano più della metà dei contagiati in paese

“L’emergenza covid-19 continua, iniziano a vedersi segnali di distensione e la comunità di Bellano sta continuando a lottare con impegno e costanza! Grazie a tutti! – sottolinea il sindaco Antonio Rusconi –  I dati diffusi fino ad oggi parlano ormai di uno storico di 40 contagi; più della metà di questi contagi sono rappresentati da ospiti in strutture sociosanitarie del territorio e dipendenti delle stesse. Segno questo del grande impegno sociale della nostra comunità! Abbiamo perso 5 concittadini, abbiamo pianto con i familiari e ci siamo stretti tutti insieme idealmente all’ultimo saluto di Don Cesare. Abbiamo raccontato la bellissima storia di Elisa, Andrea e della mascotte Davide. Per loro e per una ventina di altri cittadini la paura è passata! Sono guariti o tornati negativi.

Non è il momento di abbassare la guardia!

 

“Altri Bellanesi stanno ancora tribolando con questo virus, e non è il momento di abbassare la guardia! Vi invito nuovamente a restare in casa, seguire tutte le prescrizioni e ordinanze, resistere ancora per continuare a sconfiggere insieme il coronavirus. Un rinnovato grazie va a tutti gli eroi impegnati a curare e a salvare vite negli ospedali, sulle ambulanze, nelle RSA. Un grazie anche a tutti i volontari e i collaboratori che in queste settimane stanno dando il massimo per gestire l’emergenza, ai lavoratori che stanno mandando avanti servizi e negozi. Tutti determinati a fare al meglio il loro lavoro ma anche con il timore per il pericolo del contagio. Grazie di  a tutti voi!”

Condividi